“Dentro l’acquario, la ragazza del centro massaggi” – Viola Nagis Nessun Voto

0

"Dentro l'acquario, la ragazza del centro massaggi" - Viola Nagis

Trama:

Esiste un giorno capace di mimetizzarsi fra gli altri, non lo si distingue dal profumo nell'aria o dalla luce che cade diversamente sulla testa. Si annida insospettabile in un tempo qualunque, in attesa di raggiungere la quotidianità per imporre una scelta rapida, una direzione che cambierà per sempre la vita. 
Per me fu un mercoledì."
Inizia così la parabola discendente che porterà Viola a vivere, nell'ambiguo mondo dei "Centri Massaggi", esperienze a volte coinvolgenti, altre degradanti.
Il caso, la necessità o l'attrazione per il lato oscuro del sesso permeano il racconto che Viola dipana scandagliando con lucidità i risvolti sfaccettati dei diversi personaggi, dal titolare alle colleghe ai clienti.
Pratiche erotiche perverse si alternano a illuminanti flashback sul proprio passato e sui traumi sessuali dell'infanzia.
L'intensa rievocazione degli amori morbosi che Viola sperimenta nella vita conferiscono alla narrazione introspettiva un denso sapore talora dolcemente trasognato, talaltra amaramente disperato.
Improvvisi ed abbaglianti slanci lirici riscattano la materia greve dell'esperienza concreta.
Una nota di benevola autoironia preserva la nostra eroina dall'autodistruzione anche quando, superato ogni limite, entra in contatto con il mondo della follia.
La catarsi finale si realizza quando Viola giunge alla consapevolezza di sé e della profonda aspirazione alla libertà, libertà da se stessa e dai propri demoni.
Uno struggente romanzo di sensibilità femminile che tratteggia in chiaroscuro, attraverso i brividi del corpo, le pieghe dell'anima.


Recensioni:

Quando ho iniziato il romanzo di Viola Nagis l'ho fatto con leggerezza. Ma dopo il primo capitolo ho percepito di essere entrata in una storia lontana dalla mia vita, ma vicina a molte altre. Così la mia leggerezza si è tramutata in rispetto. Quel rispetto riservato solo alle donne forti come la nostra protagonista. Anche se in quasi tutti i capitoli lei si definisce fragile e codarda. Lei non è così, lo dimostra nel modo in cui si prende cura di Andrea, nella capacità di accettare compromessi per non chiedere aiuto a nessuno. Anche la sua adolescenza non è stata facile, fatta di incontri "sbagliati" e da dimostrazioni di coraggio. Tutto l'oro nero che le gira intorno la porterà a rinunciare a vivere. Ma fortunatamente la vita non vuole abbandonarla. E grazie anche all'aiuto di sua madre , incontra Giulio. Sarà difficile raccontare a lui il motivo delle sue cicatrici evidenti e anche celate. Ma Giulio saprà attendere la sua rinascita? Tutte noi sappiamo che solo se riusciremo a rialzarci e a camminare da sole potremmo avere la forza di procedere in due. Cari lettori sfilate le scarpe ed entrare scalzi ed in punta di piedi , così conoscerete Viola. Buon viaggio! 

[©Elisa Punzoni]

 
Se dovessi descrivere questo romanzo con una parola sarebbe: faticoso.
Attenzione, non noioso. Faticoso.
Lo è stato per me. Mi è costato entrare in questa realtà cruda e perversa, nell'eccesso di particolari delle pratiche erotiche che, a mio parere, si potevano evitare.
Se l'autrice aveva intenzione di suscitare una reazione forte, davanti a questo spaccato di vita, ci è riuscita. 
Se non fosse stato scritto bene non avrebbe suscitato in me sofferenza. 
Il racconto fila, non ha battute d'arresto ed è scritto in un italiano correttissimo.
La protagonista racchiude, dentro la sua giovane vita, le
sensazioni e le esperienze che molte donne , loro malgrado, hanno dovuto provare.
Le violenze, gli abusi, i soprusi per i quali passa Viola, danno voce ad una realtà di quelle che" meglio non sapere".
La parabola discendente che affronta la costringerà comunque, e nonostante le sue fragilità, a fare un viaggio dentro sé stessa. Doloroso ma salvifico.
Nonostante la crudezza dei particolari e la schiettezza delle descrizioni, il racconto ha una prospettiva di speranza che si concretizza nel finale.
Quanto è vero che porta frutti buoni solo un amore buono.
Buona lettura. [©Paola Sanna]
 
 

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Vi suggeriamo di leggere i libri che vi proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora voleste esprimere la vs opinione inviate commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro website.

 

Vota ora