“Bruciatomarcio” – Alessandro Testa Nessun Voto

0

"Bruciatomarcio" - Loreto Crisci

AUTORE: Loreto Crisci

TITOLO: "Bruciatomarcio"

GENERE: Romanzo

Descrizione:

"Sin dal principio la giovane vita di Lorenzo è stata segnata dal fallimento: famiglia, lavoro, amore, tutto è andato a rotoli. Ma nonostante questo, il protagonista aspira al riconoscimento, al successo, ne è ossessionato. Decide allora di diventare uno scrittore per sfuggire alla frustrazione e lasciare un segno, una prova tangibile della sua esistenza in un mondo fatto di apparenza e popolato da finti anti-conformisti. La storia di Lorenzo prosegue per flash animati dagli incontri-scontri con le persone a lui più care: la madre, l'amico Walter, il fratello Matteo, l'ex ragazza Chiara. Ma proprio quando sembra che non ci sia una via d'uscita da un destino di banalità e di inquieto anonimato, dalla paura di non riuscire a diventare "qualcuno", Lorenzo fa un incontro che cambierà radicalmente la sua vita: una ragazza senza nome, talmente perfetta da non sembrare vera, con la quale dire e fare cose assurde fino a prendere insieme una decisione folle, tragica e irreversibile che li renderà finalmente famosi."


Recensione:

 

"Bruciato marcio" di Loreto Crisci, è un romanzo ruvido, una storia dura e tagliente che penetra nel cuore del lettore come una lama, capace di aprire uno squarcio verso una prospettiva del mondo reale. Una prospettiva troppo spesso ignorata, in nome del buonismo e del politicamente corretto. Il linguaggio del romanzo si presenta infatti colorito, diretto e spassionatamente sincero, in assoluta coerenza col profilo psicologico del protagonista, Lorenzo Petrosino, un ragazzo ribelle e anticonformista, che con cinismo e col sogno di diventare scrittore affermato, si fa scudo da un vissuto amaro e difficile. Un personaggio articolato e complesso, così come articolata e complessa è la narrazione che scandisce il ritmo del libro, sempre profonda e scorrevole, senza per questo risultare artificiosa e pesante. Dietro l'aggressività verbale di Lorenzo, si percepisce una sensibilità che freme per uscire, sensibilità celata nel velo di una diffidenza che percepiamo più come una maschera che come appartenente al suo vero sé. Caratteristica, questa, da attribuire all'indubbia abilità dello scrittore, capace di tracciare una storia lineare e dai contenuti forti, dallo sviluppo al finale, che lascia libero spazio all'immaginazione e permette di entrare in sintonia con le vite dei personaggi. [©Alessandro Testa]

 

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Vi suggeriamo di leggere i libri che vi proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora voleste esprimere la vs opinione inviate commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro website.

 

Vota ora