“Tre volte te” – Federico Moccia Nessun Voto

0

"Tre volte te" - Federico Moccia

AUTORE: Federico Moccia

TITOLO: "Tre volte te"

GENERE: Narrativa italiana

EDITORE: Nord

 

Frasi:

Perché la vita è così, quando tutto sembra perfetto, ti mischia di nuovo le carte, ti fa cadere quel castello, ti mette in discussione, si diverte con te, ride di te e vuole proprio vedere come te la cavi.
Già, ma tu come te la cavi?
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

Il dolore rende immobili. Siamo spaventati di quello che potremmo provare e ci chiudiamo nella nostra corazza che è ancora più dura di quel dolore che punge il cuore.
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

Attraverso la bellezza di un giovane sorriso riconoscerai qualcosa di te, vedrai la tua proiezione, i tuoi pregi e difetti, la tua continuità.
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

Ecco, questo eravamo, la bellezza di una notte di mezza estate.
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

Eppure certe volte bisogna fidarsi di chi si fida di te. Lasciare andare paure e pregiudizi. Le cose migliori si fanno sempre in due. Due è un numero positivo, come le due mani che allacciano le scarpe o che stringono quelle di qualcun altro per salvarlo, prova a farlo con una mano sola.
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

…crede che un movimento sia sempre meglio di non fare assolutamente nulla e lasciare che sia il tempo a cancellare un dolore. E se neanche il tempo bastasse?
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

Quando fai soffrire molto una persona, quel dolore non se ne andrà mai, quella cicatrice rimane sul cuore, posata come una foglia leggera che, caduta in ottobre da un grande albero, si fermerà lì per sempre. E che tu lo voglia o no, nessun vento, nessun meticoloso spazzino riuscirà mai più a pulire quel cuore.
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

La mia gelosia era del suo amore, del suo interesse, della sua curiosità. Io avrei voluto vivere ogni suo pensiero, ogni cosa che vedeva, ogni suo sorriso avrei voluto che fosse anche mio.
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

…se tenti di essere felice attraverso un’altra persona, credo che si diventi solo infelici in due.
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

Non è serena. Tu sai benissimo, quando conosci la persona che ti sta accanto, se c’è qualcosa che non va, lo senti dalle sue vibrazioni, senti il silenzio, o l’improvvisa musica, senti la felicità o la tristezza, senti la calma o l’inquietudine. Tu la senti.
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

Credo che delle cose a volte abbiano bisogno di un loro silenzio.
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

Ecco. A volte i ricordi arrivano così, all’improvviso, non li puoi fermare e non li puoi cancellare.
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

Credo che rincorriamo per tutta una vita un’immagine, poi quando l’abbiamo raggiunta ci accorgiamo di quanto non ci appartenga.
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

Ma l’amore ci sorprende, l’amore ci fa fare cose che non avremmo mai immaginato di essere in grado di fare, nel bene e nel male.
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

E allora la bacio, senza pudore, senza pensieri, ribelle padrone della mia vita. Continuiamo a farlo così, come se fossimo due ragazzi che hanno sbattuto la porta in faccia al mondo, che vogliono rimanere da soli, che aspettavano questo momento da sempre, perché chi ama non ha paura. E il suo bacio è unico, è amore, è una storia infinita, è le mie lacrime e il mio dolore, è la mia felicità e la mia vita, è dannazione e desiderio, è condanna e libertà. È tutto quello che voglio e senza il quale non posso più vivere.
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

Nei momenti più diversi, anche quando la vita non dovrebbe essere altro che meravigliosa, la gente riesce a complicarsela. E io, stupidamente, sono entrato a far parte di questo gruppo.
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

 

«Pensa, tu mi hai dato quello che nemmeno sapevo mi mancasse. Grazie.»
[Federico Moccia, Tre volte te - Editore Nord]

Vota ora