“Lo strano caso dell’apprendista libraia” – Deborah Meyler Nessun Voto

0

"Lo strano caso dell'apprendista libraia" - Deborah Meyler

AUTORE: Deborah Meyler

TITOLO: "Lo strano caso dell'apprendista libraia"

GENERE: Romanzo

EDITORE: Garzanti

TRADUTTORE: Claudia Marseguerra

 

Frasi:

La musica è come la poesia: non ti fa smettere di pensare, ma ti aiuta a mettere i pensieri a fuoco.
[Deborah Meyler, Lo strano caso dell'apprendista libraia - Garzanti]

 

La strada che volevo percorrere era con lui; tutte le altre strade, che prima di conoscerlo si aprivano a possibilità infinite, adesso sembrano lunghi tunnel grigi senza una meta precisa.
[Deborah Meyler, Lo strano caso dell'apprendista libraia - Garzanti]

 

«Sai... a proposito di quel tizio... Con il tempo andrà meglio, vedrai».
«Sì, lo so, è solo che... sai, io ero innamorata.»
Non riesco a guardarlo in faccia, ma se non altro adesso non piango. È già un progresso.
«Sei molto sincera in proposito», dice.
«Non vedo perché non dovrei esserlo.».
«Così ci si fa del male.»
«Mi sono già fatta del male.»
«Allora forse è così che è successo.»
[Deborah Meyler, Lo strano caso dell'apprendista libraia - Garzanti]

 

"Cos'altro potrei fare?" vorrei dirgli. "Cos'altro potrei fare?" Amare vuol dire essere vulnerabili; amare vuol dire provare dolore nel punto più profondo del tuo essere.
[Deborah Meyler, Lo strano caso dell'apprendista libraia - Garzanti]

 

Ci sono volte in cui sei più consapevole di essere vivo, consapevole che vivere è doloroso, non perché è terribile ma perché è meraviglioso.
[Deborah Meyler, Lo strano caso dell'apprendista libraia - Garzanti]

 

Ho imparato, in puro stile eroina da romanzo, che le parole sono più importanti di quello che pensavo. Non puoi tirarle come fossero palline da ping pong, rovesciarle addosso a qualcuno come coriandoli, lanciarle attorno con leggerezza. Dire la verità è difficile. Perciò non dico niente.
[Deborah Meyler, Lo strano caso dell'apprendista libraia - Garzanti]

 

"Libri usati" dà l'impressione che qualcun altro abbia già preso il meglio e ti lasci gli scarti, come se il libro non fosse l'oggetto in sé, il prodotto, per sua stessa natura sempre nuovo. Non esiste un libro usato. Ovvero un libro non esiste se non viene usato.
[Deborah Meyler, Lo strano caso dell'apprendista libraia - Garzanti - trad. Clara Marseguerra]

 

L'atto di comunicare con lui, anche se in una sola direzione, il semplice sapere che leggerà il mio messaggio, o almeno vedrà il mio nome sul suo cellulare, è un piacere amaro.
[Deborah Meyler, Lo strano caso dell'apprendista libraia - Garzanti - trad. Clara Marseguerra]

 

Vota ora