“Cime tempestose” – Emily Brontë Nessun Voto

0

"Cime tempestose" - Emily Brontë

AUTORE: Emily Brontë

TITOLO: "Cime tempestose"

EDITORE: Feltrinelli

GENERE: Grandi Classici

TRADUZIONE: Frederic Ieva

 

 

FRASI:

... non gli dirò mai quanto lo amo; e non perché sia attraente, Nelly, ma perché è me più di quanto lo sia io stessa. Di qualunque sostanza siano fatte le anime, le nostre sono uguali, mentre quella di Linton è diversa, come un raggio di luna è diverso dal lampo, o il ghiaccio dal fuoco.
(Cime tempestose - Emily Bronte)
Trad. Gemma De Sanctis

 

Io, da sempre convinto che nessun amore può vivere più di un anno, potrei quasi credere che qui sia possibile un amore eterno. La condizione degli uni è simile a quella dell'affamato cui viene servito un solo piatto sul quale concentrare tutto il suo appetito; la condizione degli altri è invece paragonabile a quella di chi si trova davanti una tavola imbandita da cuochi francesi: forse tanta abbondanza gli darà altrettanto piacere, ma nel suo ricordo ogni cibo si ridurrà ad un atomo infinitesimale.
(Cime tempestose - Emily Bronte)
Trad. Gemma De Sanctis

 

Non le dichiarai mai apertamente il mio interesse, ma se gli sguardi hanno un linguaggio, anche il più sciocco fra gli uomini avrebbe capito che ero pazzo di lei.
(Cime tempestose - Emily Bronte)
Trad. Gemma De Sanctis

 

A che servirebbe l'avermi creata, se fossi tutta qui? I miei più grandi dolori sono stati i dolori di Heathcliff, e tutti li ho conosciuti e provati fin dal principio; è lui la mia ragione di vita. Se tutto il resto perisse, tranne lui, continuerei ad esistere; e se tutto il resto rimanesse è lui fosse annientato, l'universo mi sarebbe estraneo. Non ne farei più parte. Il mio amore per Linton è simile alle foglie dei boschi. So che il tempo lo muterà, come l'inverno muta gli alberi... Ma il mio amore per Heathcliff somiglia alle rocce eterne sotto di noi... Una sorgente di gioia poco visibile ma necessaria. Nelly, io sono Heathcliff...
[Cime tempestose - Emily Bronte]
Trad. Gemma De Sanctis

 

Un cuore buono ti darà un bel volto, caro ragazzo, anche se tu fossi realmente brutto, ed un cuore cattivo può rendere peggio che brutto anche il volto più bello.
[Emily Brönte - Cime tempestose]

 

Un cuore buono ti darà un bel volto, caro ragazzo, anche se tu fossi realmente brutto, ed un cuore cattivo può rendere peggio che brutto anche il volto più bello.
[Emily Bronte – Cime tempestose]

 

…lui non saprà mai quanto io lo ami: e questo non perché è bello, ma perché lui è più di me di me stessa. Di qualsiasi cosa siano fatte le nostre anime, la sua e la mia sono simili…

[Emily Bronte – Cime tempestose]

 

Amo la terra ch’è sotto ai suoi piedi, e amo l’aria sopra il suo capo, e tutto ciò che lui tocca, e ogni parole che lui dice. Amo i suoi sguardi, e tutte le azioni e lui, interamente, tutto, tutto quanto!

[Emily Bronte – Cime tempestose]

 

Le mie grandi pene in questo mondo sono state le pene di Heathcliff, e io le ho conosciute e le ho sentite tutte una a una dal principio; la sola ragione di vivere per me è lui. Se tutto il resto perisse, e lui rimanesse, io continuerei a esistere; e, se, tutto il resto rimanesse e lui fosse annientato, l’universo si cambierebbe per me in un’immensa cosa estranea; non mi parrebbe più di essere una parte di esso. […] Il mio amore per Heathcliff somiglia alle eterne rocce che stanno sottoterra; una sorgente di gioia poco visibile, ma necessaria.

[Emily Bronte – Cime tempestose]

 

“Lui abbandonato! Noi separati!” esclamò con l’accento indignato.
“E chi ci separerà, prego? Non, a ogni modo, finchè io sono in vita, […] e per nessun altro al mondo.”
[Emily Bronte – Cime tempestose]

 

Ma, se lui la amasse con tutte le forze del suo piccolo essere, non riuscirebbe nemmeno in 80’ anni amarla quanto io in un sol giorno.
[Emily Bronte – Cime tempestose]

 

Qualunque ricordo di quelli che abbiamo amati in vita, ci diventa prezioso quand’essi sono morti.

[Emily Bronte – Cime tempestose]

 

…che cosa nella mia mente non è associato a lei? E che cosa non me la ricorda? Non posso guardare questo pavimento senza vedere i suoi lineamenti raffigurati nelle pietre! In ogni nube, in ogni albero, riempiendo l’aria la notte, e balenando in ogni oggetto il giorno, io sono circondato dalla sua immagine! Nei volti più comuni di uomini e donne, nei miei stessi lineamenti, trovo una fugace somiglianza con lei. L’intero mondo è una spaventosa raccolta di rimembranze della sua esistenza e della sua perdita.

[Emily Bronte – Cime tempestose]

Vota ora