“Ogni uomo uccide ciò che ama” – Claudio Pastena 5/5 (2)

2

"Ogni uomo uccide ciò che ama" - Claudio Pastena

AUTORE: Claudio Pastena

TITOLO: "Ogni uomo uccide ciò che ama"

SERIE: Thriller

EDITORE: Il Terebinto Edizioni

 

TRAMA:

Quagliarulo ama solo tre cose nella vita: la moglie, il cinema e il suo lavoro. Quando il suo mestiere di poliziotto lo porterà ad indagare su una serie di efferati delitti, impensabili in una piccola cittadina del sud, i suoi amori e anche la sua esistenza si rivoluzioneranno completamente. Lo accompagneranno in questo percorso i suoi partner, Alfonso Urciuoli, collega grezzo e perennemente allupato e Chiara Fiore, poliziotta dal passato torbido. Gli omicidi porteranno alla luce storie inverosimili di violenza e lascivia che attraverseranno, senza distinzione, alta borghesia e diseredati, politici e tossicodipendenti e nulla resterà uguale a sé stesso, neanche Quagliarulo. Rimarrà immutato solo Gennaro Soriano, anziano gagà con una cultura cinematografica enciclopedica che trova nel cinema le risposte a tutto, anche al perché gli uomini uccidono.
Claudio Pastena vive ad Avellino dove attualmente lavora come medico al Servizio Tossicodipendenze, interessandosi principalmente di problematiche legate all’alcol e al gioco d’azzardo, gestisce gruppi terapeutici e di auto aiuto. I suoi interessi vanno dalle medicine non convenzionali alle arti marziali, dalla musicoterapia alla cucina. Ha scritto racconti e sceneggiature, i suoi romanzi Forse la giovinezza e Soluzione omeopatica sono stati pubblicati dalla A&B editore; il romanzo Il mondo è tutto ciò che accade è stato tradotto anche in spagnolo. Al momento, insieme ad altri amici, gestisce il percorso olistico sulla felicità “Meglio essere felici - Felicità in azione”.


Recensione:

 

“Ogni uomo uccide ciò che ama: un indagine di provincia” di Claudio Pastena, si presenta come un classico giallo, o almeno questo è ciò che emerge dalla lettura della trama. In realtà si è dimostrato molto di più, ma procediamo per gradi. Il protagonista del libro sembra essere l'ispettore Pasquale Quagliarulo, un uomo dedito al suo lavoro, appassionato di cinema e perdutamente innamorato della moglie Agata. In realtà nel corso dei capitoli si ha modo di conoscere meglio ogni personaggio ed entrare sempre di più nella storia, da Quagliarulo, ad Agata, alla spalla destra dell'ispettore ovvero Alfonso Urciuoli fino ad entrare nella mente dell'assassino. La storia corre veloce, aprendosi con un nuovo caso di omicidio affidato alla coppia Quagliarulo-Urciuoli. Già da subito si riesce ad inquadrare Alfonso, un uomo semplice, che si lascia facilmente andare all'istinto senza pensare alle conseguenze. Ciò che lo frena, o almeno ci prova, è Pasquale. Lui è la mente ed Alfonso il braccio. Durante la narrazione si ha la sensazione che le informazioni fornite, o la descrizione di alcuni eventi, siano assolutamente inutili al fine della risoluzione del caso. In realtà è tutto perfettamente collegato, e ciò che rende coinvolgente questa caccia all'uomo è proprio il continuo cambio di punto di vista. Ed è vero che all'inizio si può fare confusione o sentirsi un po' persi, ma è ciò che permette di avere un quadro più ampio della vicenda. Personalmente ho amato la capacità dell'autore nel tenere alta la suspense, perché si resta davvero incollati fino all'ultimissima pagina. Il suo stile è coinvolgente, a tratti ironico, le descrizioni minuziose e i personaggi ben caratterizzati.
Punto dolente è il finale, credo di averlo letto almeno tre volte, giusto per essere sicura di non avere le allucinazioni. Mi ha presa totalmente in contropiede, scatenando una serie di emozioni contrastanti. Perché in fondo non è il classico giallo, ma nasconde in esso un messaggio più complesso ed una cruda e nuda verità. L'ultima frase del libro è un colpo al cuore, ci si sente pervadere da un brivido di inquietudine ed incredulità, ma vi assicuro che tutto ha un senso e una spiegazione razionale. Sinceramente ho adorato “Ogni uomo uccide ciò che ama”, e lo consiglierei anche ai non amanti del genere, perché ne vale la pena. [©Giulia Longarini]

 

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Vi suggeriamo di leggere i libri che vi proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora voleste esprimere la vs opinione inviate commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro website.

Vota ora