“Un anno per un giorno” – Massimo Bisotti Nessun Voto

0

"Un anno per un giorno" - Massimo Bisotti

AUTORE: Massimo Bisotti

TITOLO: "Un anno per un giorno"

EDITORE: Mondadori

GENERE : Narrativa

 

FRASI:

Le nostre emozioni sono insindacabili, non sono fatti di cronaca e come tali nessuno ha il diritto di metterle in discussione, in quanto nostre sono intoccabili.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

Ci illudiamo di dimenticare e in realtà impariamo soltanto a riempire gli spazi bui.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

La gente cambia idea così rapidamente che nemmeno vale la pena provare a dare troppe spiegazioni. Un giorno ti ama, un giorno ti odia, senza che tu abbia fatto nulla né cambiato atteggiamento.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

Toccare una mente è assai più complicato che toccare un corpo, perché un corpo puoi stringerlo in un letto ma una mente no. Una mente va dove vuole. Quando resta, una mente vuole darsi del tutto, vuole darsi davvero. È ubiquamente tua, può toccare le tue profondità più profonde, senza più la discrepanza fra le parole e le vere intenzioni. È così intrigante accorgersi che c’è molto più relax in uno sguardo d’intesa piuttosto che alla fine di un semplice amplesso.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

L’amore a volte è una battaglia che stravolge le vite di due individui completamente, poi le mescola, quasi a non distinguerle più l’una dall’altra. 
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

Chi non ce la fa non ti perdona il tuo successo (...) La gente spesso critica ciò che non le riesce, tutto qui.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

È sempre in un giorno qualunque che accadono cose indimenticabili.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

Provano a toglierti le tue sicurezze quando sono molto più deboli di te.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

Ho sempre pensato che la vita ti regali con ogni persona al massimo un paio di occasioni: la seconda, se per qualche strano motivo hai buttato via la prima.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

«Un ricordo per te cos’è?»
«È ciò che ha in sé l’esigenza di tenere in vita a tutti i costi quel che la vita non ha saputo, potuto o voluto difendere.»
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

Quando le persone incontrano davvero il dolore non si lasciano più tormentare per delle sciocchezze.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

«Ciò che ci qualifica è il nostro comportamento, non i pettegolezzi. Le etichette stanno bene sui vestiti, non sulle persone.»
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

«Si è sempre antipatici quando non si è in grado di dare ciò che gli altri vorrebbero da noi.»
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

Le decisioni prese o le ami o le sconti per sempre.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

La gentilezza è un luogo, la si abita, non la si predica. Non dipende dalla classe sociale ma da un’eleganza interiore e se non la si possiede non la si può comprare nemmeno in una scintillante boutique di Louis Vuitton. È un piccolissimo accessorio che stravolge completamente la visione d’insieme.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

Il dolore si legge negli occhi, pensava, diventa nitido senza bisogno di troppe spiegazioni a chi possiede lo stesso radar, come una goccia che scava oltre le lacrime e sa trovarlo laggiù, seduto in attesa di essere scoperto, accarezzato, amato, ascoltato senza giudizi, e reso più leggero anche se mai invisibile. Certe cose non si dicono, si rivelano attraverso un sesto senso, un percorso che accomuna e che finalmente lascia incontrare le anime che si riconoscono, quelle che si fiutano già da lontano, forse da prima, forse da sempre. Le fregature invece chiudono i rubinetti e ci fanno diventare terre desolate, aride di possibilità.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

Per disturbare la vita altrui si trova sempre un valido motivo, per non migliorare se stessi invece si ha sempre pronta un’ottima scusa.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

Ci si ama così tanto e poi ci si difende così poco, ci si incontra per miracolo e ci si perde per paura. 
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

Un sentimento, anche se non sai cos’è, anche se non riesci a definirlo, continua sempre ad avere un suo nome, come quello che si dà alle perturbazioni, arriva sempre per cambiarci un po’ e, se va via, non ci permette più di tornare com’eravamo prima, prima di esserne travolti: lascia una morsa all’interno, aggrappata alle sue tracce incancellabili, che torna a stringere ogni tanto, senza possibilità alcuna di liberarsene.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

Quando hai paura di qualcosa devi assolutamente affrontarla. Se la affronti le togli il potere che ha. Le paure hanno potere perché glielo dai tu e dalla disperazione scappiamo tutti, a primo impatto, per difesa.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

E sai per me qual è la notte delle notti? Quella in cui ti rendi conto che, persino nel momento in cui tanti aspetti della tua vita non vanno bene, ovunque tu sia, se puoi svegliarti accanto alla persona che ami, tutto il resto un po’ sfuma, si attenua, regalandoti un piccolo e meraviglioso momento di pace interiore.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

Nella vita per essere credibili ci vuole assoluta coerenza fra ciò che diciamo e ciò che facciamo.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

«La nostra memoria è capace di farci dimenticare cosa abbiamo mangiato ieri per cena ma non è capace di farci dimenticare qualcosa che non è stato... il miglior giorno mai vissuto della nostra vita. E se piegarsi alla tranquillità sia una vittoria o una sconfitta, io ancora non lo so.»
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

Essere liberi o schiavi della propria libertà è intuibile solo da dentro. Da fuori spesso le prigioni non si vedono.
Nella vita per essere credibili ci vuole assoluta coerenza fra ciò che diciamo e ciò che facciamo.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

La malinconia di ciò che non è stato ci accompagnerà sempre. Non ce ne libereremo mai.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

L’unica regolare puntualità è l’istante in cui le persone, come entrano nella tua vita, d’improvviso se ne vanno con una scusa qualsiasi o in silenzio... oppure te ne vai via tu. O non inizia niente o si sfascia tutto. E il dispiacere più grande è forse il non sapere più chi ti ricorderà e chi ti lascerà scivolare via... per quanto possa valere o contare... insomma, un po’ ci terrai sempre a capire se la tua vita abbia lasciato o meno una traccia, visibile o nascosta, nella vita di chi hai amato.
[Massimo Bisotti - Un anno per un giorno]

 

La vera seduzione è entrare dentro a un cuore e riuscire a spogliarlo delle sue paure.
[Massimo Bisotti, Un anno per un giorno - Mondadori]

Vota ora