“Le otto montagne” – Paolo Cognetti Nessun Voto

0

"Le otto montagne" - Paolo Cognetti

AUTORE: Paolo Cognetti

TITOLO: "Le otto montagne"

EDITORE: Einaudi

GENERE : Narrativa

 

FRASI:

A volte l'amore si consuma piano piano e a volte muore di colpo.
[Paolo Cognetti, Le otto montagne]

 

Mi abbracciò un po' più forte di prima. C'era qualcosa in quell'abbraccio che non c'era mai stato nelle sue parole. Una commozione, forse, o una nostalgia.
[Paolo Cognetti, Le otto montagne]

 

Gli innamorati, pensai: è bello che esistano al mondo, ma dentro una stanza ti fanno sentire di troppo.
Le otto montagne -
Ma ormai avevo imparato a fare le domande degli adulti, in cui si chiede una cosa per saperne un'altra.
[Paolo Cognetti, Le otto montagne]

 

Se il punto in cui ti immergi in un fiume è il presente, pensai, allora il passato è l'acqua che ti ha superato, quella che va verso il basso e dove non c'è più niente per te, mentre il futuro è l'acqua che scende dall'alto, portando pericoli e sorprese. Il passato è a valle, il futuro a monte.
[Paolo Cognetti, Le otto montagne]

 

[...] nessuno può occuparsi degli altri. Occuparsi di se stessi è già un'impresa. Un uomo è fatto per cavarsela sempre, se è bravo, ma se si crede troppo bravo finisce che va in rovina.
[Paolo Cognetti, Le otto montagne]

 

Vota ora