“Nessuno sa di noi” – Simona Sparaco Nessun Voto

0

"Nessuno sa di noi" - Simona Sparaco

AUTORE: Simona Sparaco

TITOLO: "Nessuno sa di noi"

EDITORE: Giunti

GENERE : Narrativa

 

FRASI:

La vita è fatta di dettagli […] sono quei dettagli che fanno la differenza, mica altro.

[Simona Sparaco – Nessuno sa di noi]

 

All’ospedale non ci sono più malati di quanti ce ne siano fuori. Siamo tutti costantemente alla ricerca di una cura. Una cura che ci stravolga, che ci cancelli persino, purchè ci salvi. Che ci faccia tornare indietro o ci spinga avanti. Anche dopo aver sconfitto l’incurabile, torniamo tutti, prima o poi, alla ricerca di una cura. E non basta una sera a settimana per immaginare di averla trovata.

[Simona Sparaco – Nessuno sa di noi]

 

Le disgrazie fanno questo effetto: strappano le parole di bocca, oppure la riempiono di frasi di circostanza.
[Simona Sparaco – Nessuno sa di noi]

 

È successo che eravamo felici. Sembravamo volare sopra le nostre vite, così meravigliosamente incoscienti. Poi, in un istate qualunque, siamo precipitati. E adesso siamo qui, senza sapere se resteremo paralizzati a vita, su una sedia a rotelle, o se incerti e zoppicanti, prima o poi , ci rimetteremo in piedi e ricominceremo a camminare.

[Simona Sparaco – Nessuno sa di noi]

 

Non sono né la prima e né l’ultima a essersi innamorata di un uomo inaffidabile, imprevedibile, impossibile. Ma lui mi ha fatto salire su questa stella, e ora non c’è verso di tornare indietro. Sono troppo in alto per lasciarmi cadere. Qui c’è troppo luce perché io riesca a vedere. E poi, le stelle sono tante, ma troppo lontane perché la gente possa capire.

[Simona Sparaco – Nessuno sa di noi]

 

Mi chiedo come si possa sentire una mancanza così struggente, così viscerale, come se mi avessero strappato a morsi un arto, per lasciarmi poi sbrindellata e grondante sul ciglio di un burrone, senza più una forma armonica, un pensiero compiuto, come si possa sentire una mancanza del genere per qualcuno che non abbiamo mai conosciuto.

[Simona Sparaco – Nessuno sa di noi]

 

Sono una stanza inespugnabile in una casa vuota. Una casa violata, saccheggiata. È inutile insistere, quella porta non si apre.

[Simona Sparaco – Nessuno sa di noi]

 

Vota ora