“Una mano piena di nuvole” – Jenny Wingfield Nessun Voto

0

"Una mano piena di nuvole" – Jenny Wingfield

AUTORE: Jenny Wingfield

TITOLO: “Una mano piena di nuvole”

EDITORE: Garzanti

GENERE : Narrativa

 

FRASI:

Non fa bene alla salute fabbricarsi i guai e poi crogiolarcisi dentro.

[Jenny Wingfield – Una mano piena di nuvole]

 



A volte non si pensa a niente. Non si sogna nemmeno. Non si chiede niente, non si desidera niente e non si ha bisogno di niente: semplicemente, ci si lascia essere.

[J. Wingfield – Una mano piena di nuvole]

 

Solo perché non chiacchiero molto, la gente tende a dimenticare che ci sento.

[Jenny Wingfield – Una mano piena di nuvole]


 

Non lasciare che le azioni di un’altra persona modifichino l’idea che hai di te stesso.

[Jenny Wingfield – Una mano piena di nuvole]

 

Il bello delle bugie è che, le loro possibilità sono illimitate. Ci si può costruire un mondo esattamente come lo vorremmo, e se si finge con sufficiente convinzione si comincia quasi a crederci.

[Jenny Wingfield – Una mano piena di nuvole]


 

Una volta che la stella cadente è passata, è inutile esprimere un desiderio.

[Jenny Wingfield – Una mano piena di nuvole]


 

A volte il senso di perdita è così grande che chiunque provi a offrire conforto sembra solo voler sminuire il nostro dolore.

[Jenny Wingfield – Una mano piena di nuvole]


 

Nella mia vita ci sono molte cose che non vanno come dovrebbero, ma per ciascuna posso assicurare che sono stato io a metterci la firma.

[J. Wingfield – Una mano piena di nuvole]

 

Alla gente piacerebbe se le cose andassero avanti sempre uguali a com’erano in passato, ma questo non è possibile, ed è un bene, perché quando una parte di una cosa comincia a cambiare anche tutte le altre si modificano, e presto inizia tutta un’altra storia.

[Jenny Wingfield – Una mano piena di nuvole]


 

“Tu mi hai rubato il cuore” le disse “Lo sai vero?”


Swan annuì con occhi innamorati.



“E quando me ne sarò andato non lo butterai via, vero?” si raccomandò


– “Non lo farei mai” promise Swan.


“No. Non credo proprio che lo farai. Non butteresti mai via un cuore che ti vuole bene.”


Adesso sì che erano legati.. legati fino in fondo all’anima, proprio come aveva sognato fin da quel giorno lontano nella bottega di Calla. Solo che allora non sapeva esattamente cosa volesse dire
«fino in fondo all’anima».
Ora invece lo sapeva. Lo sapeva davvero.

[Jenny W. – Una mano piena di nuvole]


 

Lei era un posto sicuro ed anche qualcosa di più.

[Jenny Wingfield – Una mano piena di nuvole]


 

“Ma allora come farà la gente a sapere che i miracoli avvengono ancora?” le domandò Samuel.
 E Swan: “Forse i miracoli sono una cosa che ciascuno deve scoprire da sé. Raccontarli non serve a renderli più credibili, serve solo a farti passare per matto.”

[Jenny Wingfield – Una mano piena di nuvole]


 

Avere bisogno di un miracolo è la cosa più brutta che si possa immaginare.

[Jenny Wingfield – Una mano piena di nuvole]



 


Non lasciare che le azioni di un’altra persona modifichino l’idea che hai di te stesso.

[Jenny Wingfield – Una mano piena di nuvole]


 


Lui si sentiva malissimo… si guardava allo specchio e non riconosceva. Era inconsolabile. Prendeva il violino e andava giù alla Vecchia Pozza per Nuotare, si sedeva sulla riva ad ascoltare il vento tra i pioppi e quando posava l’archetto sulle corde la musica sfiorava il pelo dell’acqua e si tuffava fra gli alberi e tornava da lui singhiozzando. Samuel non versava mai una lacrima. Era il suo violino a piangere per lui.

[Jenny Wingfield – Una mano piena di nuvole]


 

C’è molta cattiveria a questo mondo. Ormai dovreste saperlo anche voi. Certe persone sono malvagie fin nel profondo del loro cuore, e niente di ciò che fanno può essere colpa vostra.

[Jenny Wingfield – Una mano piena di nuvole]

 

Vota ora