“Giorni selvaggi” – William Finnegan Nessun Voto

0

"Giorni selvaggi" - William Finnegan

AUTORE: William Finnegan

TITOLO: "Giorni selvaggi"

TRADUTTORE : Fiorenza Conte - Stella Sacchini - Mirko Esposito

EDITORE: 66th and 2nd

GENERE : Biografie

 

FRASI:

"Nel surf c'era sempre questo orizzonte, questa linea del terrore, che lo rendeva diverso da qualsiasi altro sport, di sicuro da quelli che conoscevo io.
 In mare, ogni cosa è legata in un modo indissolubile e inquietante a tutte le altre. Le onde sono il campo da gioco. Il fine ultimo. Sono l'oggetto dei tuoi desideri e della tua ammirazione più profonda. Allo stesso tempo, sono anche il tuo avversario, la tua nemesi, il tuo nemico mortale. L'onda è il rifugio, il tuo nascondiglio felice, ma anche un territorio selvaggio e ostile, una realtà indifferente e dinamica. L'oceano per me era simile a un Dio insensibile, infinito nella sua pericolosità, dotato di un potere smisurato.
[William Finnegan, 
Giorni selvaggi ~ Una vita sulle onde/Traduzione di Fiorenza Conte]

 

Vota ora