“Dentro soffia il vento” – Francesca Diotallevi Nessun Voto

0

"Dentro soffia il vento" - Francesca Diotallevi

AUTORE: Francesca Diotallevi

TITOLO: "Dentro soffia il vento"

EDITORE : BEAT

GENERE : Narrativa

 

FRASI:

Ci sono cose contro cui la ragione nulla può. È il cuore quello che deve abituarsi a battere senza un pezzo.
[Francesca Diotallevi - Dentro soffia il vento]

 

Mia madre diceva che salvare la vita a una creatura significa creare con lei un legame che va oltre l’esistenza e la morte.
[Francesca Diotallevi - Dentro soffia il vento]

 

Nessuno muore mai davvero se resta nei cuori di chi lo ha amato.
[Francesca Diotallevi - Dentro soffia il vento]

 

Mia madre lo diceva sempre: non basta il cuore a sconfiggere l’ignoranza e la superstizione. Lucien Borel, che aveva 
studiato, era riuscito a guardare oltre. Per questo amavo i libri: rendevano le persone migliori. A volte le salvavano.
[Francesca Diotallevi - Dentro soffia il vento]

 

Quella sera rimasi a osservare il bosco fino a quando la notte non inghiottì le montagne nel suo manto scuro. Le cime degli abeti frusciavano leggere e, nel cielo di agosto, riuscii a scorgere la scia argentata di due o tre stelle cadenti. Attraversarono le tenebre come scintille che andavano spegnendosi nell’oscurità, svanendo oltre i profili delle vette. Tempo addietro, un viaggiatore, che avevo 
accompagnato oltre il valico del Gran San Bernardo, mi aveva rivelato che le luci che
illuminano la notte appartengono a stelle ormai morte. Quello che vediamo non è altro che il 
ricordo di qualcosa che non c’è più.
[Francesca Diotallevi - Dentro soffia il vento]

 

Mi duole chiedervi questo favore, ma…» balbettai, nervoso, torcendo la tesa del cappello.
«Nessun problema, reverendo. Ho spazio a sufficienza e sarò ben lieto di custodire i vostri libri, fino a quando non troverete una sistemazione adeguata alle vostre esigenze. Nel frattempo, potrete venire qui ogni volta che
avrete bisogno di consultarli, io e mia moglie saremo lieti di ospitarvi».
«Siete davvero gentile. Vi sono obbligato».
Il maestro di Saint Rhémy agitò brevemente la mano davanti a sé. «Sciocchezze. Chiunque ami i libri è il benvenuto in casa mia. E la stessa cosa vale anche per i suoi libri».
[Francesca Diotallevi - Dentro soffia il vento]

 

Il dolore agisce così, l’avevo già visto accadere: prosciuga di ogni gioia, non lasciando altro che solchi vuoti; indurisce il cuore e gli 
occhi, sbiadisce i colori.
[Francesca Diotallevi - Dentro soffia il vento]

 

L’amore sa essere oscuro e confuso. Un labirinto tortuoso in cui viene smarrita ogni razionalità.
[Francesca Diotallevi - Dentro soffia il vento]

 

Vota ora