“Hunger Games. Il canto della rivolta” – Suzanne Collins Nessun Voto

0

"Hunger Games. Il canto della rivolta" - Suzanne Collins

AUTORE: Suzanne Collins

TITOLO: "Hunger Games. Il canto della rivolta"

TRADUTTORE : Simona Brogli

EDITORE: Mondadori

GENERE: Narrativa straniera

 

FRASI:

A mio avviso, gli eventi che inducono paura sono i più difficili da sradicare. Dopotutto, sono quelli che per natura ricordiamo meglio.
[Suzanne Collins, Hunger Games. Il canto della rivolta]

 

Rimettere insieme i pezzi richiede dieci volte il tempo che serve per crollare.
[Suzanne Collins, Hunger Games. Il canto della rivolta]

 

Ricordi? - chiede. - È qui che mi hai baciato. [...]
Non credevo che te lo ricordassi - dico. - Da morto, potrei dimenticare. E forse nemmeno allora
[Suzanne Collins, Hunger Games. Il canto della rivolta]

 

...dice che andrà tutto bene. Io ho lui e lui ha me. [...] Possiamo fare sì che i nostri figli capiscano ogni cosa in un modo che li renderà più coraggiosi. Ma un giorno dovrò spiegare i miei incubi. Perché sono venuti. E perché non se ne andranno mai del tutto. Dirò loro come li supero. Dirò loro che, nelle mattine brutte, mi sembra impossibile trarre piacere da qualcosa perché temo che possano portarmelo via. E che in quei momenti faccio mentalmente un elenco di ogni atto di bontà che ho visto fare.
[Suzanne Collins, Hunger Games. Il canto della rivolta]

 

Vota ora