Sentendosi osservato, aveva tolto le mani dal …

0
86
Nessun Voto

Sentendosi osservato, aveva tolto le mani dal pianoforte e si era voltato verso la scala. “Perdonami, non volevo svegliarti”. Lei si era alzata ed era andata a sedersi accanto a lui sullo sgabello. “Non riesci a dormire?” …lui aveva preso tempo; poi, con gli occhi sui tasti le aveva risposto con la voce che usava solo per confidare i segreti. “La notte è l’unico momento in cui sono libero. Sempre sul chi va là. C’è sempre qualcuno che ti sta osservando. Sono circondato da persone che mi dicono cosa devo indossare, cosa devo fare, cosa devo dire; ma la notte…la notte, finalmente, sono libero. Forse è per questo che non riesco a dormire.”
[Pensiero di ©Cristina Cocco per Le frasi più belle dei Libri…]

Ph: Web

Vota ora

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here