“La sedia di Lulù” – Marina Casciani, Alessandra Santandrea

0
232
Nessun Voto

AUTORE: Marina Casciani, Alessandra Santandrea
TITOLO: La sedia di Lulù
GENERE: Narrativa

TRAMA

11 settembre 2001: l’attentato alle Twin Towers cambia il mondo; un anno dopo, stesso giorno: un incidente stradale cambia il mondo di Alessandra condannandola alla sedia a rotelle. Il libro racconta di una rinascita dopo la tragedia, di un cammino nuovo dove la sofferenza è alleviata e accompagnata dal bene di tanti, dai familiari agli operatori delle strutture sanitarie, fino all’incontro con Lulù, fedele e inseparabile cane da supporto. Trascinata da Lulù, Alessandra intreccia relazioni, supera ostacoli e barriere, paure e solitudine, silenzi e pregiudizi, tanto da divenire la prima ragazza diversamente abile a svolgere gare di obedience a livello agonistico in Italia. Oggi Alessandra lavora presso l’associazione ChiaraMilla come istruttore cinofilo e collabora a progetti di pet therapy. Da queste pagine emerge la testimonianza di un abbraccio infinito alla vita. “Dopo la sofferenza ti puoi godere ancora la vita, ci sono tante cose per cui sorridere. La vita non finisce in quel momento. Bisogna ricominciare. Io mi sento di dire, e ne sono convinta, che ho una vita migliore adesso rispetto a prima” (Alessandra). Terza edizione ampliata con interviste alle autrici e nuovi contributi.


RECENSIONI

La lettura di questo libro è stata molto piacevole.
Mi piace quando un libro insegna qualcosa ed emoziona e “La sedia di Lulù” ha da dare sicuramente tanto.

La storia di Alessandra, l’incontro con Lulù, e il loro percorso insieme saranno lo scenario perfetto per comprendere qualcosa di più profondo. Una storia che racconta di un dramma che ha causato ad Alessandra la perdita dell’uso delle gambe, ma le ha permesso di intraprendere una nuova vita.
Grazie a Lulù, sua indispensabile cagnolina, ritrova la forza per uscire di casa, a stare di nuovo in contatto con le persone, a superare ostacoli e limiti. Alessandra oggi lavora come istruttrice cinofila dopo essere stata la prima ragazza disabile a partecipare a gare di obedience in Italia e Insieme a Lulù senza saperlo, hanno dato il via a un’iniziativa che spinge ad addestrare cani di supporto. Questa è una storia che insegna ad affrontare la vita con tutte le possibili risorse che abbiamo e a rinascere anche se sembra ci abbiano tagliato le ali. 

Credo sia stato giusto informare di questa bellissima iniziativa e di come sia nata. Durante la lettura si nota che l’autrice si rivolge spesso in maniera diretta al lettore creando un emozione palpabile, anche se in alcuni punti sembra dilungarsi un po’. La scrittura è chiara, piena di dettagli, abbastanza semplice, ma profonda. Consiglio di leggere il libro caratterizzato da una forte sensibilità e per conoscere meglio questa bellissima iniziativa.

[©Francesca Gianfreda]

 

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.

Vota ora