“Ovunque tu andrai” – Paolo Biagioli

0
539
Nessun Voto

AUTORE: Paolo Biagioli
TITOLO: Ovunque tu andrai
GENERE: Narrativa

TRAMA

Sullo sfondo di una Sarajevo coperta da fiocchi di neve leggeri come farfalle, Bosko Brkic ripercorre in prima persona il suo amore con Admira Ismic, un sentimento nato in tempo di pace e, costretto dalle bombe, a soffocare. I passi dei loro cuori li porteranno ad attraversare l’inferno dell’assedio, dove l’eco delle voci dei loro amici andrà a spegnersi come candele al vento. É una storia di condivisione, fatta di semplici gesti, raccontata dagli occhi di due anime già grandi…intrappolate in un mondo troppo piccolo e pieno di violenza. La loro ultima corsa è stata come una poesia, rimasta impressa nelle lacrime di chi li ha pianti, e nelle mani di chi li ha ricordati.


RECENSIONI

Una piccola perla ma molto preziosa, questo racconto breve, secondo romanzo di Paolo Biagioli. Credo sia superfluo ed inutile usare molte parole per descrivere questa storia. Nonostante l’ambientazione e la drammaticità del periodo storico, è una poesia piena di speranza. Il dolore e la sofferenza della guerra si intrecciano alla vita. A tratti commuove. Sicuramente costringe a tornare indietro nel tempo e a guardare da un diverso punto di vista una pagina sanguinosa della storia recente. I protagonisti intrecciano le loro vite in uno scenario drammatico. La guerra non è mai buona : divide, annienta, seppellisce corpi e sogni. Ma Biagioli non ha scritto un reportage di guerra. È una storia d’amore D’amore e di fiori. Quelli capaci di spuntare anche sotto il sangue e la neve.

[©Paola Sanna]

 

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.

Vota ora