“Un giorno ancora” – Mitch Albom

0
252
4/5 (1)

FRASI

“Un giorno si era parlato della parola «divorzio». Avevo sempre pensato che venisse dalla radice del verbo «dividere». Invece, pare che venga da dividĕre, che significa «deviare».
Ci credo. E’ proprio quello che fa il divorzio: ti svia da tutto ciò che pensavi di sapere, da quel che pensavi di desiderare, e ti indirizza verso una serie di altre cose…”

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

 

«I segreti […] spezzano il cuore.»

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

Leggi la nostra recensione

 

«E’ un peccato sprecare il tempo. Pensiamo sempre di averne chissà quanto.».
Pensai ai giorni che avevo dedicato alla bottiglia; alle notti di cui non ricordavo nulla; alle mattine passate a dormire. Tutto quel tempo sprecato a scappare da me stesso.”

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

 

Quando hai qualcuno nel cuore, non è mai scomparso per davvero. Può tornare da te, anche nei momenti più improbabili.”

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

 

«Mamma?»
E’ una parola così semplice, sembra quasi un mormorio. Eppure, anche se su questa terra ci sono miliardi di parole, nessuna ha lo stesso sapore.”

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

 

Mi avvicinai. Sul tronco dell’albero erano state incise le parole TI PREGO.
[…]
«Cos’è?»
«Una preghiera.»
«Per avere un figlio?»
Annuì.
«Per me?»
Annuì di nuovo.
«Su un albero?»
«Gli alberi passano tutta la giornata a guardare verso Dio.»”

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

 

Credo anche che i genitori, se ti vogliono bene, siano in grado di tenerti a galla e al sicuro, per quanto loro stessi navighino in acque turbolente. In certi casi, non saprai mai cos’hanno dovuto sopportare, e può capitarti di trattarli in modo scortese, cosa che non faresti mai se sapessi com’è la situazione.
Ma dietro ogni cosa c’è una storia. Come è arrivata su una parete una certa immagine. Come ti sei procurato una cicatrice in faccia. Alcune sono storie semplici, altre complicate e tristi. Alla base di tutto, però, c’è sempre la storia di tua madre, perché è da lì che comincia la tua.”

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

 

“Una volta ho conosciuto un esperto scalatore. Gli ho chiesto se in montagna era più difficile salire o scendere. Sai cosa mi ha risposto? Che senza dubbio era la discesa la parte più impegnativa, perché quando sali sei così concentrato sulla meta che eviti qualsiasi errore.
Vuoi arrivare in cima.
«Scendere da una vetta va contro la natura umana» aveva aggiunto. «In discesa, bisogna stare attenti quasi più che durante la salita.»”

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

 

Una volta che i tuoi sogni si realizzano, non ti resta altro che la lenta e struggente consapevolezza che non era come te l’aspettavi.
E che quel sogno non ti salverà.”

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

 

“Ora mi vergogno di aver cercato di togliermi la vita. E’ una cosa così preziosa. Non avevo vicino nessuno che potesse convincermi a superare la disperazione, ed è stato quello l’errore. Bisogna tenersi vicine le persone. Bisogna lasciare libero accesso al proprio cuore.”

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

 

“…se ti fai schifo da solo, finisci per disgustare anche tutti gli altri, comprese le persone che ami.”

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

 

Leggere è come parlare, perciò immagina che sia io che ti sto parlando.”

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

 

Da una parte ci sono tutte le cose che conosci, e dall’altra tutte le cose che accadono.
Quando non coincidono più, devi fare una scelta.”

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

 

Restare con la tua famiglia è quello che la rende tale.”

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

 

«Cocco di mamma o di papà. […]Cosa sarai?»
«Ho fatto la scelta sbagliata» sussurrai.
Mia madre scosse il capo.
«Un bambino non dovrebbe mai essere costretto a scegliere.»

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

 

“…vi è mai capitato di perdere una persona amata e di avere il desiderio di parlarle un’ultima volta, di avere l’occasione di recuperare il tempo sprecato quando pensavate che l’avreste avuta accanto per sempre? Allora saprete che si può passare la vita intera ad accumulare settimane e mesi, senza riuscire a togliersi dalla testa quell’unico giorno che vorreste riavere indietro.”

[Mitch Albom – Un giorno ancora]

Vota ora