“Fin dove si scorge il mare” – Clemy Scognamiglio

0
352
4/5 (1)

AUTORE: Clemy Scognamiglio
TITOLO: Fin dove si scorge il mare
EDITORE: I Sognatori
GENERE: Narrativa

TRAMA

“Fin dove si scorge il mare” è un romanzo di formazione, incentrato sulla figura di due donne, madre e figlia, Immacolata e Filomena. Siamo nella metà dell’800, nell’Italia appena unita, dove le difficili condizioni umane spingono alla sopravvivenza dalla miseria più che all’idealismo patriottico, che, qui, si scorge, neppure consapevolmente maturato. Un intero mondo, visivamente narrato, in lotta quotidiana contro uno dei tanti inverni della Storia e le contraddizioni di una terra ferita e che resta spaccata tra tradizioni, rivoluzioni, miseria e incertezza.

Leggi le frasi che abbiamo scelto per te

Emergono così le vicende di donne e di uomini sfioriti dall’assenza di diritti, dal lavoro massacrante e dalla disillusione verso un neonato sistema che si mostra, nei fatti, ancora feudale e ferocemente repressivo; infine i briganti; le sirene incantatrici dell’America, il destino dei nostri migranti, ma, sopra ogni cosa, i sogni di tutti, la speranza e l’amore che rotolano, come ciottoli in discesa, in ogni tempo e su ogni esistenza.


RECENSIONI

Protagoniste di questo libro sono Immacolata e Filomena. Madre e figlia, in uno scenario della seconda metà dell’800 del Meridione. La miseria, le incertezze, le rivoluzioni, in cui si sviluppano le loro storie personali e d’amore. “Che le storie incontrate, poi, sono così. Una manciata di polvere afferrata per caso, caduta dal vento che risale in alto, fin dove si scorge il mare.” L’amore tra Immacolata e Jacomo: intenso, vero, oltre ogni cosa e quello di Filomena e Francesco: un amore folle, che ha atteso anni perché “solo quello che non si fa per paura resta eterno”.

Il libro sembra inserirsi in un genere classico, sia per il linguaggio utilizzato che per gli scenari descritti, con un andamento a tratti lento ma dopo un pò, diventa avvincente e riesce a catapultare il lettore in quell’epoca e a stringere un contatto con i personaggi.
Ho trovato affascinante che attraverso le storie d’amore l’autore, sia riuscito a descrivere uno scenario complesso di quegli anni, soffermandosi anche sulla condizione delle donne in diversi punti, nonchè sulle condizioni di miseria a cui gli uomini erano costretti, per trovare pace e serenità.

E’ un intreccio tra cultura, storia, società e amore, che ci accompagnano in un viaggio nel passato, anche per comprendere meglio il nostro presente.

[©Anna Ciccone]

 

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.

Vota ora