“Donne che corrono coi lupi” – Clarissa Pinkola Estés

0
659
Nessun Voto

FRASI

“Quando si lotta per qualcosa di importante bisogna circondarsi di persone che sostengono il nostro lavoro. È una trappola e un veleno avere intorno persone che hanno le nostre stesse ferite ma non il desiderio vero di guarirle.”

[Clarissa Pinkola Estés, Donne che corrono coi lupi]

Scopri più di questo libro

 

“Essere noi stesse ci allontana da molti altri. Tuttavia, compiere quello che gli altri vogliono ci allontana da noi stesse.”

[Clarissa Pinkola Estés, Donne che corrono coi lupi]

 

“Essere forte non significa allenare i muscoli o fare le flessioni. Significa trovare la propria luce senza fuggire, vivendo attivamente e in modo personale con la natura selvaggia. Significa essere capaci di imparare, essere capaci di sostenere quello che si sa. Significa sostenersi e vivere.”

[Clarissa Pinkola Estés, Donne che corrono coi lupi]

 

“Anche se l’esilio non è una cosa che si desidera per divertimento, racchiude una garanzia inattesa: sono molti i regali dell’esilio. Fa emergere la debolezza a suon di duri colpi, fa sparire i lamenti, abilita l’acuta percezione interiore, accresce l’intuito, concede il potere dell’osservazione penetrante…”

[Clarissa Pinkola Estés, Donne che corrono coi lupi]

 

“La nostra fame segreta di essere amati non è bella. Il nostro disuso o cattivo uso dell’amore non è bello. La nostra mancanza di lealtà e devozione è poco amorosa, il nostro stato di separazione dall’anima è brutto, sono verruche psicologiche, insufficienze e fantasie infantili.”

[Clarissa Pinkola Estés, Donne che corrono coi lupi]

 

“L’amore nella sua forma più piena è una serie di morti e rinascite. Lasciamo una fase, un aspetto dell’amore, ed entriamo in un’altra fase. La passione muore ed è restituita.”

[Clarissa Pinkola Estés, Donne che corrono coi lupi]

 

“La terra migliore in cui seminare e far crescere qualcosa di nuovo si trova di nuovo nel fondo. In questo senso, toccare il fondo, anche se è estremamente doloroso, è anche il terreno di coltura.”

[Clarissa Pinkola Estés, Donne che corrono coi lupi]

 

Vota ora