“L’eleganza del riccio” – Muriel Barbery

0
232
Nessun Voto

AUTORE: Muriel Barbery
TITOLO: L’eleganza del riccio
TRADUTTORE: Emanuelle Caillat – Cinzia Poli
EDITORE: E/O
GENERE: Narrativa

TRAMA

Siamo a Parigi in un elegante palazzo abitato da famiglie dell’alta borghesia. Dalla sua guardiola assiste allo scorrere di questa vita di lussuosa vacuità la portinaia Renée, che appare in tutto e per tutto conforme all’idea stessa della portinaia: grassa, sciatta, scorbutica e teledipendente. Invece, all’insaputa di tutti, Renée è una coltissima autodidatta, che adora l’arte, la filosofia, la musica, la cultura giapponese.

Leggi le frasi che abbiamo scelto per te

Poi c’è Paloma, la figlia di un ministro ottuso; dodicenne geniale, brillante e fin troppo lucida che, stanca di vivere, ha deciso di farla finita (il 16 giugno, giorno del suo tredicesimo compleanno, per l’esattezza). Fino ad allora continuerà a fingere di essere una ragazzina mediocre e imbevuta di sottocultura adolescenziale come tutte le altre.

Due personaggi in incognito, quindi, diversi eppure accomunati dallo sguardo ironicamente disincantato, che ignari l’uno dell’impostura dell’altro si incontreranno grazie all’arrivo di monsieur Ozu, un ricco giapponese, il solo che saprà smascherare Renée e il suo antico, doloroso segreto.


RECENSIONI

Un romanzo coinvolgente, ricco di riferimenti filosofici che sovverte le stereotipizzazioni della società moderna. Muriel Barbery, tramite due grandiose protagoniste, mette a nudo aspetti spesso scomodi della nostra esistenza, questioni che tendiamo ad allontanare dalla nostra mente ogni volta che cercano di affiorare. Tra le tematiche più importanti vi sono il senso della vita, dell’arte, del tempo, le gerarchie sociali.

L’ambientazione è quella di un elegante Palazzo abitato da famiglie dell’alta borghesia a Parigi. Dalla sua guardiola assiste allo scorrere di questa vita di lussuosa vacuità la portinaia Renee, che appare in tutto per tutto conforme all’idea stessa della portinaia: grassa, sciatta, povera, teledipentente.

In realtà dietro questa maschera si nasconde una donna dell’animo colto, raffinato, una donna che adora l’arte, la musica, la letteratura,  la cultura giapponese. Renee ha l’eleganza del riccio: fuori è protetta da aculei, una vera e propria fortezza, ma ho  il sospetto che dentro sia semplice e raffinata come i ricci, animaletti fintamente indolenti, risolutamente solitari e terribilmente eleganti.

Poi abbiamo Paloma, una dodicenne che stanca di vivere ha deciso di farla finita il giorno del suo tredicesimo compleanno. Anche lei come Renee indossa ogni giorno una maschera; dall’esterno sembra una normale adolescente, ma in realtà è dotata di una brillante intelligenza e lucidità che la portano ad affrontare temi sull’esistenza umana raggruppati in pensieri profondi.

Paloma è consapevole della vanità dell’esistenza; la gente crede di inseguire le stelle e finisce come un pesce rosso nella boccia. A smascherare i profondi segreti delle due sarà Ozu, un ricco giapponese che saprà veder oltre l’apparenza.

[©Antonella Cifarelli]


RECENSIONI

Consigliato da una miriade di persone, mi sono arresa e l’ho letto.
Già dalle prime righe si può intuire come la storia evolverà.
Il racconto è zeppo di citazioni dotte e per tre quarti la lettura è terribilmente lenta e, azzarderei, noiosa.
Poi avviene un miracolo.
E da un passo lento e strascicato, passiamo ad una corsa rigenerante.
La storia diventa interessante, appassionata, assume sfumature dolci e commoventi.
L’autrice si supera nel finale con la stessa delicatezza di una manciata di petali di camelia.

[©Paola Sanna]

 

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.

Vota ora