“Tu, per ora #persempre” – Laurie Frankel

0
194
Nessun Voto

FRASI

“..io voglio tornare a stare con lei, voglio tornare a sentirla… mi basterebbe un’email, un messaggio, perfino la disdetta di una cena. Voglio sapere che lei c’è ancora, da qualche parte. So come farmela mancare quando è in Florida, so come farmela mancare per qualche mese. Ma non so come farmela mancare per il resto della vita.”


[Laurie Frankel – Tu, per ora #persempre]

 

“Stare con lei gli sembrava un miracolo, ma ricordare era un inferno.”


[Laurie Frankel – Tu, per ora #persempre]

Scopri più di questo libro

 

“L’aspetto migliore di una relazione è proprio il conforto, la confidenza, l’intimità di qualcuno che ti dice ciò di cui hai bisogno. È bello quando qualcuno riesce a terminare le tue frasi, è bello essere complici e capirsi al volo. Sí, ogni tanto apprezzi l’uscire con qualcuno di nuovo che ti possa sorprendere, ma quando ti capita qualcosa di bello o di brutto, chiami me. Chiami a casa.”


[Laurie Frankel – Tu, per ora #persempre]

 

“Ecco cosa sei tu per me, lo stimolo per superare qualsiasi altra cosa. È ciò che dovrebbe essere l’amore, credo; sí, è tutto ciò che significa l’amore.”


[Laurie Frankel – Tu, per ora #persempre]

 

“…lui si stese nudo sopra di lei, lucente e solido, e come lei inspirò aria caldissima nei polmoni già in fiamme per poi danzare con lei, l’uno dentro l’altra come i tasselli di un puzzle […]
Quando tutto fu finito, Sam si sollevò leggermente, spostando il peso in modo da non farle male, ma non riusciva a separarsi completamente dal suo respiro, dal battito e dal corpo che era sotto di lui. Lei era la cosa più viva che avesse mai conosciuto.”


[Laurie Frankel – Tu, per ora #persempre]

 

“Ho sempre odiato la frase che dicono in tanti: ‘Lei è la cosa migliore che mi sia mai capitata’. Una persona non è un fatto, le persone non ‘capitano’. Tu non sei la cosa migliore che mi è capitata, tu sei la cosa migliore che è capitata in questo universo, tu sei la cosa migliore che esista o sia mai esistita.”


[Laurie Frankel – Tu, per ora #persempre]

 

“Ed ecco quello che sto lentamente iniziando a capire: alla fine io ti dovrò lasciare andare. E lo farò non perchè sarò pronto, o perchè sarò guarito, e non perchè piangendo a dirotto e ragionando su tutto supererò il dolore che non si supera mai. Dovrò lasciarti andare perchè dovrò allentare la stretta e perché il ricordo non sarà abbastanza. La mia memoria è imperfetta, è piena di buchi. C’è più spazio che materia, un po’ come il pizzo. All’improvviso si inzuppa di dolore e rimorso e poi appassisce per assenza di flusso sanguigno, l’ovvio risultato di un cuore spezzato. S’inventa cose nel disperato tentativo di consolarsi e riempie le fessure con la fantasia. Chiude a chiave gli occhi e stringe i pugni e si lancia a terra scalciando e urlando, in una rabbia infantile e cieca contro la realtà.”


[Laurie Frankel – Tu, per ora #persempre]

 

“..pescò un biscottino della fortuna il cui bigliettino recitava «L’assenza è un pungolo per il desiderio», frase che mandò subito a Meredith.
«I cinesi si sbagliano», rispose lei. «L’assenza conduce alla pazzia.»[…]
«A quanta pazzia?» le chiese. […]
«La pazzia è talmente tanta che quando esci con la tua migliore amica che non vedi da settimane e vai nel tuo bar preferito dove non vai da mesi per guardare la partita della tua squadra del cuore che vince undici a uno contro gli Yankees… beh, per tutta la sera senti che c’è qualcosa che ti manca, un qualcosa di gigantesco.»

[…]

Sam ricevette un messaggio da Meredith: «Sei licenziato. Alla riunione di stamattina mi sono resa conto di avere una scarpa blu e una nera».
«E perchè sarebbe colpa mia?»
«Perchè l’assenza conduce alla pazzia.»”


[Laurie Frankel – Tu, per ora #persempre]

</blockquote

Vota ora