“Un indovino mi disse” – Tiziano Terzani

0
965
Nessun Voto

FRASI

“Ho scoperto prestissimo che i migliori compagni di viaggio sono i libri: parlano quando si ha bisogno, tacciono quando si vuole silenzio. Fanno compagnia senza essere invadenti. Danno moltissimo, senza chiedere nulla.”

[Tiziano Terzani, Un indovino mi disse]

Scopri più di questo libro

“La verità è che uno a cinquantadue anni ha una gran voglia di aggiungere un pizzico di poesia alla propria vita, di guardare il mondo con occhi nuovi, di rileggere i classici, di riscoprire il sole che sorge, che in cielo c’è la luna e che il tempo non è solo quello scandito dagli orologi.”

[Tiziano Terzani, Un indovino mi disse]

 

“Eppure, se non c’è qualcuno che raccoglie una testimonianza, che ne scrive, qualcuno che fa una foto, che ne lascia traccia in un libro, è come se quei fatti non fossero mai accaduti.”

[Tiziano Terzani, Un indovino mi disse]

 

“Non è pericoloso per te, raccontarci tutto questo?” Chiedemmo.
“Debbo dire quel che penso; non posso mentire come fanno tutti.”
“Ma non hai paura?”
“No, perché ho Dio”, e si fece il segno della croce. Anche Andrew sembrava uscito da quella cassaforte di preziosa umanità che sempre più va scomparendo.”

[Tiziano Terzani, Un indovino mi disse]

 

“Era una gioia lasciar scorrere il tempo, senza angoscia. Lentamente mi accorgevo di ritrovare il gusto del viaggiare , il piacere di lasciarsi andare ai posti, alla gente.”

[Tiziano Terzani, Un indovino mi disse]

 

“È ovvio che, a vedere il mondo rotolare, sempre più ciecamente verso il materialismo, si rafforza in alcuni l’idea che solo qualcosa di orribile, come una pestilenza o una grande carestia, possa rimettere ordine fra le cose e ridare agli uomini il senso della vita.”

[Tiziano Terzani, Un indovino mi disse]

 

“Era un inno all’amore e John lo concluse leggendo la sempre magnifica lettera di San Paolo ai Corinti: “Se avessi l’eloquenza degli uomini o degli angeli, ma parlassi senza amore, sarei come un gong che rimbomba o che un cimbalo che tintinna. Se avessi il dono della profezia, se capissi tutti i misteri e conoscessi tutte le cose e se avessi la fede da muovere le montagne, ma non avessi l’amore, non sarei che un niente…”

[Tiziano Terzani, Un indovino mi disse]

 

“Persino il fragore della cascata, i gridi degli uccelli o il frusciare del vento tra le fronde degli alberi mi parevano alla fine parte di uno straordinario, animato, cosmico silenzio di cui godevo, in cui trovavo pace.”

[Tiziano Terzani, Un indovino mi disse]

 

“Guardavo le stelle e sentivo il loro silenzio; la luna non faceva rumore e anche il sole si levava e tramontava senza nemmeno un bisbiglio.”

[Tiziano Terzani, Un indovino mi disse]

 

“Quante belle persone si incontrano senza che ce se ne accorga; e quante belle cose non si notano sulla via che uno fa ogni giorno, tornando a casa! Come sempre ci vuole l’occasione giusta, un qualche caso; occorre qualcuno che ti fermi e che ti faccia prestare attenzione a questo o a quello.”

[Tiziano Terzani, Un indovino mi disse]

 

“La natura, la straordinaria natura, mi dette una mano e mi rimise in sesto.”

[Tiziano Terzani, Un indovino mi disse]

 

“E l’arte, quella scorciatoia alla percezione di grandezza? Anche lei non aiuta più la gente a capire l’essenza delle cose. La musica sembra ormai fatta per arrivare alle orecchie, non all’anima; la pittura è spesso un’offesa per gli occhi; (…). E chi legge più di poesia? Il suo valore esaltante è stato dimenticato! Eppure una poesia può accendere nel petto un calore, forte come quello dell’amore. Una poesia (…), potrebbe “tirare su”, sollevare l’animo, perché alza il punto di vista da cui guardare il mondo.”

[Tiziano Terzani, Un indovino mi disse]

 

“Perché”, diceva, “quando si incontra una persona si dice che è simpatica, mentre di un’altra si dice che non la si può sopportare? C’è qualcosa che avviene nelle comunicazioni invisibili. Come si spiega l’amore? Abbiamo preso l’abitudine di porci queste domande, ma il problema resta. Perché uno vede una donna e se ne innamora? Questo non ce lo siamo ancora spiegato.”

[Tiziano Terzani, Un indovino mi disse]

 

Vota ora