“Cadono dal cielo” – Giulio Concu

0
352
Nessun Voto

FRASI

“È toro furioso il mondo, dimenagli il pullover rosso, quello che mi piace tanto, quello a buchi, dove si impiglia il destino fra le maglie strette.”

[Giulio Concu, Cadono dal cielo]

Scopri più di questo libro

 

“Bellezza e mistero dl cuore, che nascondono i desideri e li mostrano nei momenti e nei luoghi che non ti aspetti. Riusciremo mai a esaudirli tutti, a espiarli tutti?”

[Giulio Concu, Cadono dal cielo]

 

“Io credo che la Sardegna sia una terra che nasconde apposta le vette dentro. Qui la realtà e sogno s’incrociano continuamente, sembra di vivere e non vivi, sembra di sognare e non sogni. Cammini per le vie e ti senti stordita, spesso non riesci a riconoscere neppure te stessa.”

[Giulio Concu, Cadono dal cielo]

 

“O forse una via d’uscita c’è, se si potesse trovare uno sbocco al vagare su questa terra, alla proprio sofferenza. E se fosse che tornare indietro per vedere le vite che abbiamo vissuto ci consentisse il conoscerci meglio, per risolvere il dubbio sull’eterno, l’ansia di vivere, il paradosso della morte?”

[Giulio Concu, Cadono dal cielo]

 

“E medito come ognuno di noi ha un suo odore, che a ogni olezzo corrisponde un corpo, un’anima, penso a quanto abbiamo paura di quello della pelle, e ci foderiamo, candeggiamo e profumiamo per non sentire chi siamo, come invecchiamo, come moriamo.”

[Giulio Concu, Cadono dal cielo]

 

“A volte, per riportare l’armonia è necessario il caos; a volte, per poter far risplendere la saggezza è necessaria l’oscurità!”

[Giulio Concu, Cadono dal cielo]

 

“La vita è una tappa, non una rovina….”

[Giulio Concu, Cadono dal cielo]

 

“La luna bianca ancora non cede il passo al mattino, e quante stelle sono cadute stanotte e nessuno le ha vedute? Quanti desideri naufragati nel sonno, filosofie di vita trapassate in inutili spasmi?”

[Giulio Concu, Cadono dal cielo]

 

“Respiro piano, non ho poi così tanta paura, in fondo il panico è un sentimento scemo, che piano scema, proprio come me, come te.”

[Giulio Concu, Cadono dal cielo]

 

“Respiro a fondo. Irreale è l’alba. I suoi colori e i suoni attutiti. Ti stordisce come ogni nascita, o una rinascita, e non è forse lo stesso, quando i luoghi che da sempre conosci, li ritrovi cambiati. Almeno credi. […] ?”

[Giulio Concu, Cadono dal cielo]

 

“Tutti abbiamo bisogno di raccontare per capire, per capirci.”

[Giulio Concu, Cadono dal cielo]

 

“Il sogno era bambino, l’obbiettivo era adulto!”

[Giulio Concu, Cadono dal cielo]

 

“Ma in fondo, cosa importa realizzare i sogni, ci dicevamo? L’essenziale è provarci, vivere il momento: ciò che conta è il gesto, molto prima del risultato.”

[Giulio Concu, Cadono dal cielo]

 

“Questa non è una favola. E’ forse una favola la vita, il suo odore, la tua carne, il dolore, l’amore che provi per te stesso, il sapore di questo fumo? Anche tu sei un’ anima antica, soffri per lo smarrimento, e cerchi conforto nei tuoi ideali perduti. Forse sono una favola gli ideali?.”

[Giulio Concu, Cadono dal cielo]

 

“Quante volte non ci riconosciamo nella vita di tutti i giorni solo per non ammettere, per finto pudore, che stiamo recitando?”

[Giulio Concu, Cadono dal cielo]

Vota ora