“Il giorno in cui ho imparato a volermi bene” – Marquis Serges

0
1209
Nessun Voto

FRASI

“Il mio mestiere non era più quello che avevo scelto per ottenere riconoscimento e ammirazione, era un ponte costruito per avvicinarmi ai malati e aiutarli nel modo migliore possibile.”

[Serges Marquis, Il giorno in cui ho imparato a volermi bene – Sperling & Kupfer – trad. Luciana Cisbani e Martina Mazzacurati]

 

“Ritiene che il consumo, sotto ogni sua forma, rovini l’infanzia e le faccia perdere quello che vi è di più prezioso in lei: lo stupore, il piacere dell’attesa, la creatività del gioco che ci si inventa con un pezzo di corda e delle scatole di cartone.”

[Serges Marquis, Il giorno in cui ho imparato a volermi bene – Sperling & Kupfer – trad. Luciana Cisbani e Martina Mazzacurati]

Scopri più di questo libro

 

“Io sono nella musica. Ci puoi stare dentro anche tu. Chiudi gli occhi. Ascolta! Noi siamo nella musica come le stelle sono in cielo.”

[Serges Marquis, Il giorno in cui ho imparato a volermi bene – Sperling & Kupfer – trad. Luciana Cisbani e Martina Mazzacurati]

 

“Non devi sempre aver voglia di essere amato; l’importante è sapere che sei capace di amare e che non lo dimentichi mai.”

[Serges Marquis, Il giorno in cui ho imparato a volermi bene – Sperling & Kupfer – trad. Luciana Cisbani e Martina Mazzacurati]

 

“Lei era una donna capace di entrare in connessione con gli altri come se fosse realmente possibile costruire ponti tra un’anima e l’altra. Era ingegnere dell’interconnessione umana. Rifletteva con il cuore.”

[Serges Marquis, Il giorno in cui ho imparato a volermi bene – Sperling & Kupfer – trad. Luciana Cisbani e Martina Mazzacurati]

 

“La profondità richiede lentezza.”

[Serges Marquis, Il giorno in cui ho imparato a volermi bene – Sperling & Kupfer – trad. Luciana Cisbani e Martina Mazzacurati]

 

“Non c’è bisogno di attaccarsi a niente dal momento che tutto ci viene offerto.”

[Serges Marquis, Il giorno in cui ho imparato a volermi bene – Sperling & Kupfer – trad. Luciana Cisbani e Martina Mazzacurati]

 

“L’amore cura la paura, lo sai Maryse?”

[Serges Marquis, Il giorno in cui ho imparato a volermi bene – Sperling & Kupfer – trad. Luciana Cisbani e Martina Mazzacurati]

 

“La capacità di amare non ha limiti. Mi hanno entrambi ricordato che il problema più grave dell’esistenza non è morire ma non imparare a vivere.”

[Serges Marquis, Il giorno in cui ho imparato a volermi bene – Sperling & Kupfer – trad. Luciana Cisbani e Martina Mazzacurati]

 

“Chi pensiamo di essere non ha mai niente a che vedere con quello che siamo realmente.”

[Serges Marquis, Il giorno in cui ho imparato a volermi bene – Sperling & Kupfer – trad. Luciana Cisbani e Martina Mazzacurati]

 

“Mi piace il tuo profumo”.
Era paralizzato.
“Non ne uso […]”.

[Serges Marquis, Il giorno in cui ho imparato a volermi bene – Sperling & Kupfer – trad. Luciana Cisbani e Martina Mazzacurati]

 

“La vita si diffonde nella creatività come l’inchiostro si espande sulla terra..”

[Serges Marquis, Il giorno in cui ho imparato a volermi bene – Sperling & Kupfer – trad. Luciana Cisbani e Martina Mazzacurati]

 

“E’ pazzesco tutto quello che vedi quando non vedi più niente. La differenza tra “amare” e il bisogno di essere scelti a tutti i costi.”

[Serges Marquis, Il giorno in cui ho imparato a volermi bene – Sperling & Kupfer – trad. Luciana Cisbani e Martina Mazzacurati]

 

“basta bugie e smettila di voler fare quella forte sempre e comunque! Me ne frego, mamma! Capisci? Me ne frego…Non è per questo che ti voglio bene. Mi piaci quando non sei d’accordo con me e me lo dici. Mi piaci quando mi dici: “No!” Mi piaci quando non condividi per forza le mie passioni e quando hai paura e lo ammetti. Mi piaci quando sei gelosa. Ti voglio bene senza una ragione, per niente e per tutto. Ti voglio bene perché sono capace di amare. Quindi non risparmiarmi, mamma! Non siamo più a quel punto. Ora rispettami.”

[Serges Marquis, Il giorno in cui ho imparato a volermi bene – Sperling & Kupfer – trad. Luciana Cisbani e Martina Mazzacurati]

Vota ora