“17:17” – Marco Pellegrini

0
1175
5/5 (16)

AUTORE: Marco Pellegrini
TITOLO: 17:17
EDITORE: Argento Vivo Edizioni
GENERE: Narrativa

TRAMA

Un ragazzo e una ragazza si scontrano sul ponte di una nave di ritorno dall’isola d’Elba in una giornata tempestosa. Senza nemmeno saperlo, hanno in comune qualcosa di importante: tentano entrambi di rimettere assieme i pezzi di una vita incerta dopo la fine di una relazione distruttiva. Nel buio intenso che precede la consapevolezza i due personaggi si ritroveranno a scavare alacremente dentro di sé arrivando ad abbracciare una volta per tutte la loro essenza, nascosta fino ad allora sotto le maschere convenzionali che indossiamo ogni giorno per mettere tutti d’accordo. La genesi di una storia d’amore atipica scandita dalle lancette di un orologio che si ostina a mostrare sempre la solita ora: 17:17.

Leggi le frasi che abbiamo scelto per te


RECENSIONI

Ogni volta che l’orologio segna le 17:17 gli occhi di Lorenzo si trovano a guardarlo. Gli succede spesso, di essere come attratto da una strana calamita che riflette nei suoi occhi quei numeri. Alle 17:17 di un giorno piovoso su di un traghetto il destino gli scaraventa addosso una strana creatura, con due occhi tristi e magnetici. 17:18 e quella creatura è scappata chissà dove. Nell’impatto però ha perso uno strano oggetto, un pennello, che Lorenzo raccoglie e costudisce gelosamente, come un amuleto. È forse il potere di quell’oggetto, o forse di quell’incontro, che lo fa ricominciare a vivere. A sognare.

E per Giada, la creatura distratta proprietaria del pennello, è lo stesso. Si sono guardati per pochissimo tempo, eppure gli occhi dell’uno si sono impressi nell’altro indelebilmente. Ma oltre a quello sguardo complice non hanno nient’altro. Portano la loro vita a spasso, in una Toscana traboccante di bellezza, di poesia, di storia. Lorenzo ritrova la forza di continuare a scrivere, mettere nero su bianco il marasma di idee che la sua mente partorisce. Giada riesce nuovamente a tramutare il suo mondo interiore, in forme e colori su di una tela.

Ognuno per conto proprio ritrovano la loro anima, guizzano nel loro passato ancora dolorante e gettano le basi per un futuro in grado di rendere realtà i loro sogni. Ma il destino ha gettato un seme tra loro ed ora aspetta impaziente di cogliere i frutti. E cos’è il destino, appunto, se non una creatura bizzarra che ci piomba addosso in un momento che sembra uguale ad un altro, ma che in realtà è la congiunzione di eventi grandi e lontani che sfuggono al nostro potere?
Un racconto leggero, elegante, ricco di dettagli, di sentimenti, minuscole bellezze quotidiane raccontate come se fossero la più grande opera d’arte. Un libro intriso di sogni, che infonde il coraggio di viverli. Ma soprattutto irradia il coraggio di credere, nei sogni e in noi stessi.

[©Martina Caruso]

 
Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.

Vota ora