“Mio figlio è normale? Capire gli adolescenti senza che loro debbano capire noi” – Stefania Andreoli

0
48
Nessun Voto

FRASI

“Impegnarsi in una relazione implica avere, prima di tutto, delle cose da perdere: un pezzo di sé, del proprii egoismo, del proprio tempo, della propria libertà, del proprii bastarsi senza avere bisogno di nessuno. Significa correre dei rischi, aspettare qualcuno che non arriva, mettersi in gioco, lasciarsi conoscere, farsi avvicinare, fidarsi. Per fare questo, occorre essere molto coraggiosi e accettare un pernicioso pericolo: la dipendenza.”

[Stefania Andreoli, Mio figlio è normale? Capire gli adolescenti senza che loro debbano capire noi]

 

“L’amicizia parla la lingua dell’espressione umana più nobile in assoluto, quando mette in gioco lealtà, fedeltà, presenza, sostegno, solidarietà, ascolto, impegno, affetto, partecipazione, condivisione, reciprocità. Quando poi tra adulti si fa scevra di gelosie e ansie abbandoniche, per alcuni l’amicizia è persino meglio dell’amore, che dentro ha il sesso che spesso complica le cose anziché impreziosirle.”

[Stefania Andreoli, Mio figlio è normale? Capire gli adolescenti senza che loro debbano capire noi]

Scopri più di questo libro

“Quando un rapporto è importante, quando tieni a qualcosa, quando ne va dell’umanità di coloro che fanno un pezzo di strada con te, non può che essere difficile. È un merito, non una colpa.”

[Stefania Andreoli, Mio figlio è normale? Capire gli adolescenti senza che loro debbano capire noi]

 

“Il cervello e lo sviluppo cognitivo sono ancorai fase evolutiva e loro stanno già facendo una miriade di sforzi per essere uno, nessuno e centomila ché poi non è che gli si possa chiedere di imparare pure tutte le altre opere di Pirandello.
Anche perché intanto si innamorano, e chiunque sia mai stato innamorato sa che, quando ami, te ne accorgi perché il pensiero dell’amato o dell’amata ti si pianta come un chiodo nel cervello, non riesci a distogliere l’attenzione neppure se ci provi, anzi, se ci provi finisci sol per non restare concentrato nemmeno quella mezz’ora che ti servirebbe per tenere in mente che Pirandello ha scritto anche Sei personaggi in cerca d’autore.”

[Stefania Andreoli, Mio figlio è normale? Capire gli adolescenti senza che loro debbano capire noi]

 

“Di sicuro c’è che ogni nostra azione, prima ancora di essere colta nelle sue pieghe profonde, risponde a un criterio incontrovertibile: nell’esperienza non trova mai spazio nulla che non ci serva a qualcosa.
Il punto infatti non sta – sarebbe molto più semplice! – nel fare la cosa giusta o sbagliata (discrimine che cominciamo ad avere chiaro sin da bambini), ma nel fare ed essere cose di cui abbiamo bisogno. Sbagliatissime a volte, pericolose altre, folli altre ancora, eppure necessarie.”

[Stefania Andreoli, Mio figlio è normale? Capire gli adolescenti senza che loro debbano capire noi]

 

“Da un lato non c’è tempo (la vita chiama e a questa età non aspetta, nel giro di una mattina o di un pomeriggio spesso è già successo tutto), dall’altro intuiscono che se si voltassero indietro rischierebbero di non andare più avanti.”

[Stefania Andreoli, Mio figlio è normale? Capire gli adolescenti senza che loro debbano capire noi]

 

Vota ora