“Il fuoco indimenticabile. 40 anni di U2” – Andrea Cerasi

0
541
5/5 (6)

AUTORE: Andrea Cerasi
TITOLO: Il fuoco indimenticabile. 40 anni di U2
EDITORE: Arcana
GENERE: Band

TRAMA

La musica degli U2 ha scosso il mondo intero, raccontando gli umori della società contemporanea, dalla periferia di Dublino ai sobborghi degli Stati Uniti, dalla Germania riunita all’Europa moderna, e lo ha fatto assorbendo stili e suoni diversi, mettendo in luce un’evoluzione costante che per quattro decenni ha accompagnato gli ascoltatori di tutto il mondo. Dal selvaggio post-punk degli esordi al blues affogato nella spiritualità, dal rock post-industriale filtrato dall’elettronica al ritorno alle origini, in una forma più sobria e matura. La carriera degli U2 sa di miracoloso: quasi nessuno è riuscito a rimanere per così tanto tempo sulla cresta dell’onda e a raccogliere una serie così sterminata di successi, infrangendo ogni record, seducendo generazioni di ascoltatori.

Una band che non si è mai piegata alle mode, neanche nelle sue vesti più commerciali, e che ha influenzato correnti musicali grazie all’invenzione di suoni con una tecnica basilare, derivata dal punk e dal post-punk, ma incredibile nella ricerca sonora. Il materiale accumulato in quarant’anni di carriera è molto, e tutto costruito con acuta intelligenza. “Il fuoco indimenticabile” non è solo una biografia, ma è anche e soprattutto un’analisi di ogni album e di ogni brano rilasciato dalla band irlandese. Un lavoro che racconta la musica, spiega i testi e interpreta la filosofia alla base del mito U2.


RECENSIONI

Questa storia comincia con un annuncio affisso da un bambino su una bacheca: “Batterista cerca componenti per formare una rock band”. Siamo nel 1976 e questo intraprendente adolescente si chiama Larry. Dopo poco viene contattato da un chitarrista ancora in fasce, soprannominato The Edge, da un bassista di nome Adam Clyton e dal cantante Paul David Hewson, detto Bono. La band cambia diversi nomi fino ad arrivare, nel 1978 a scegliere quello di un aereo americano abbattuto: U2. Partono da piccoli concerti nei locali, le prime sconfitte, un pubblico inesistente, mille idee, sogni che faticano a venire fuori.

Gli U2 muovono i loro primi passi nella loro città natale, Dublino, ne
sorbiscono il clima, lo stile di vita e lo convertono in musica. Musica ricca di dolori, sofferta ma che, nelle mani giuste, quelle del giovane manager MxcGuinnes, inizia ad arrivare al pubblico e questo ne resta affascinato. Nel 1979 esce il primo Ep, una raccolta di soli tre brani e gli U2 partono con un mini tour. E da allora non si fermeranno più. Hanno questa capacità innata di cantare delle atrocità della vita, dei tempi che vivono. Si spostano in
luoghi diversi e sposano con naturalezza la storia di quei posti, le sofferenze.

Raccontano la guerra, la violenza che ne deriva, danno voce ad una generazione stanca del razzismo, della miseria. Inseguono il sogno americano, vivono una Berlino che dopo anni è ritornata ad essere un’unica città. È
questa loro attitudine ad abbracciare i problemi del tempo che vivono che fa arrivare la loro musica dritta nei cuori della gente, che fa riunire milioni di persone davanti ai loro palchi, che danno loro la possibilità di essere per ben quattro decenni “the unforgettable fire”, un fuoco indimenticabile.

Eppure non sempre mettere insieme idee e opinioni, conciliare sogni e desideri è semplice: c’è da accordare il volere di quattro personalità diverse e ciò che la gente si aspetta da loro, dagli U2, star planetarie, capaci di influenzare la società col loro talento. Andrea Cerasi si tuffa a capofitto in questa storia tirandone fuori aneddoti e significati forse sconosciuti ai più. Analizza i testi, le grafiche degli album soffermandosi sul contesto in cui questi, di volta in volta, si inseriscono. Da questo immenso e meticoloso lavoro ne viene fuori l’immagine di questa band,
nata nelle strade irlandesi, che ha avuto l’abilità di evolversi senza mai smentirsi, di anticipare i tempi senza uscirne fuori.

Ritrae quattro personalità in grado di formare un unicum perfetto, capace di
proiettarsi nel futuro con concerti dai colori e suoni futuristici e psichedelici e ritornare poi nell’Irlanda che li ha formati, senza mai perdere la loro essenza. Dettagliato, preciso ed entusiasmante, “Il fuoco indimenticabile” di Andrea Cerasi è molto più di una biografia, è una sfida che l’autore ha colto per rendere omaggio al talento portentoso degli U2 e alla loro musica, capace di scuotere il mondo intero.

[©Martina Caruso]

 

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.

Vota ora