“I quaderni del caffè. Confini” – (a cura di) Antonio Maurizio Cirigliano

0
69
Nessun Voto

FRASI

“Quando ebbi il primo figlio, Giovanni, proprio nell’anno dello scoppio della Prima Guerra Mondiale capii che la vita bussa alla porta e vuole entrare anche quando tutt’attorno c’è morte e sofferenza.”

[I quaderni del caffè. Confini – (a cura di) Antonio Maurizio Cirigliano]

Leggi la nostra recensione

“Alle volte, noi esseri umani rassomigliamo ai libri di una biblioteca riposti tutti in ordine sugli scaffali, etichettati dal genere e ordinati per autore, ciascuno con la sua copertina più o meno appariscente e patinata e con il proprio contenuto, che solo lo stesso libro conosce al minuto parola dopo parola, punteggiatura,spazi,refusi, intenzioni, sogni, realtà,vita, storia… […] Ma, come i libri riposti l’uno vicino l’altro nella interminabile scaffalatura dell’esistenza, le nostre copertine si sfiorano,varcando il confine della propria brossura per sussistere insieme nella stessa biblioteca/mondo, diffondendo qualcosa del sé caratterizzante al sé detenente il mero e semplice apparire.”

[I quaderni del caffè. Confini – (a cura di) Antonio Maurizio Cirigliano]

 

Vota ora