“La casa delle madri” – Daniele Petruccioli

0
322
Nessun Voto

Libro finalista Premio Strega 2021

AUTORE: Daniele Petruccioli
TITOLO: La casa delle madri
EDITORE: TerraRossa
GENERE: Narrativa

TRAMA
Ernesto e Elia sono gemelli e si inseguono in una specie di lontananza ravvicinata senza riuscire a toccarsi, come fossero rette parallele; Sarabanda e Speedy, i loro genitori, invece non la smettono di allontanarsi neanche quando credono di starsi vicino. E così Daniele Petruccioli ci conduce su e giù per le generazioni che si succedono in case dove le persone crescono, vivono, muoiono, traslocano e che sono forse le uniche vere custodi di una memoria che facciamo di tutto per rimuovere, ma permane ostinata.


RECENSIONI

“Tra due incompletezze non esiste metro di normalità, il meno ed il più sono entrambe condizioni di difetto, impediscono il realizzarsi della simmetria che consente l’unione nella separatezza”.

La casa delle madri é un libro che parla di famiglia, di generazioni che si succedono, di sentimenti contrastanti, di rapporti madri-figli e figli-madri, di ferite tenute vive ed altre rimarginate; un libro che parla della vita di tutti in qualche modo.
Ci sono tre madri, Nina, Sarabanda e Ilide, molto diverse tra loro eppure simmetriche in qualche modo. Nina, la madre di Sarabanda, Sarabanda la madre dei gemelli Ernesto ed Elia, e infine Ilide, la suocera di Sarabanda. E poi ci sono due case, quella al mare e quella in città, che sono i luoghi in cui i corpi dei protagonisti permangono anche quando non ci sono più. Sarabanda é una madre che fatica, una madre forte ma ferita, una “ribelle fallica”. Impossibile non amarla e non appassionarsi al suo percorso.
Le case hanno visto Sarabanda crescere, diventare madre, ammalarsi…

Le case le fanno le persone, e le persone fanno le case. Questa connessione tra i luoghi e le persone nel tempo é la vera protagonista di un romanzo vivo e dilatato e scritto meravigliosamente con grande maestria e cura. Attraverso la vita di due gemelli, Ernesto ed Elia, che sono la rappresentazione del buio e della luce, della speranza e dell’invidia, del dolore e della gioia, delle salite e delle discese, attraverso la loro crescita, non solo fisica, entriamo nelle loro case e nella loro famiglia.
Petruccioli mette a nudo la complessità del mistero famiglia e lo fa divinamente. Io sono stata in quelle case, ho sentito gli odori, le voci, le urla, ho sofferto per i silenzi, mi sono sporcata le mani facendo parte di casa. Quella farina ha evocato i miei di ricordi e ha fatto rivivere mia nonna e mia madre. Non posso essere obiettiva con questo libro, mi é entrato sottopelle… sono orfana dei personaggi.
Io posso solo consigliarlo.

[©Maria Elena Bianco]

 

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.

Vota ora