“Splendi come vita” – Maria Grazia Calandrone

0
248
5/5 (1)

FRASI

“La vita ci ignora, ignora soprattutto i pregiudizi e l’ovvio. Tutto cicatrizza, a nostra insaputa.”

[Maria Grazia Calandrone, Splendi come vita]

 

“Mentre scendiamo dall’autobus con le buste della spesa il mare, sotto, muove la sua misura gigantesca, manovra le sue leve nell’olio azzurro del Tempo.
E noi, in alto, spendiamo.”

[Maria Grazia Calandrone, Splendi come vita]

Leggi la nostra recensione

 

“Le parole ricordano tutto, quello che non sappiamo di ricordare. Per ciò, affidiamo loro la memoria. Per poi dimenticare, ancora e ancora, ripassare il raschietto sulla cera dei giorni.”

[Maria Grazia Calandrone, Splendi come vita]

 

“Sono dunque certa che la Notizia dell’adozione si sia depositata e sciolta in me come neve. Un’astrazione, che non interferiva con la realtà, meno che mai con la realtà perturbata e scintillante del mio amore, infantile e di poi.
Madre uscì invece malamente ferita dalla su stessa rivelazione.”

[Maria Grazia Calandrone, Splendi come vita]

 

“Padre conserva per me i crackers e le salviette profumate che gli danno a bordo degli aerei. Cosi sai che ti penso sempre. Così voli con me. Qui si fondono odore e sapore di ogni volo futuro. L’amore è vero e senza lontananza.”

[Maria Grazia Calandrone, Splendi come vita]

 

“La parte delle gite che preferisco è il ritorno, quando, cotta dal sole e dalla polvere, mi addormento sul sedile di dietro della macchina e la macchina ronza e i discorsi dei grandi sembrano casa.”

[Maria Grazia Calandrone, Splendi come vita]

 

“Sono la Guardia del corpo di Mamma. Costruisco armi con listelli di legno e mollette, che sparano elastici a distanza apprezzabile. Alleno la mira.
Mamma, non essere triste. Ci sono io.”

[Maria Grazia Calandrone, Splendi come vita]

 

“La vita prova un penoso amore per la vita. Per non uscire d’esercizio, la vita sfiora quel che di ancora vivo trova presso di sé. È toccante. È illuminante.”

[Maria Grazia Calandrone, Splendi come vita]

 

“Sento l’imperdonabile oscenità dell’io.
L’io ha valore quando è tuo. Dicono.”

[Maria Grazia Calandrone, Splendi come vita]

 

Vota ora