“La stanza delle mele” – Matteo Righetto

0
199
5/5 (1)

Libro in uscita 07 Aprile 2022

AUTORE: Matteo Righetto
TITOLO: La stanza delle mele
EDITORE: Feltrinelli
GENERE: Narrativa

TRAMA
È l’estate del 1954, Giacomo Nef ha 11 anni e con i due fratelli maggiori vive dai nonni paterni a Daghè, una minuscola frazione rurale di Livinallongo inerpicata sulle pendici del Col di Lana, nelle Dolomiti bellunesi. “Tre case, tre fienili, tre famiglie.” I bambini sono orfani e i due vecchi che li accudiscono sono tutt’altro che amorevoli, soprattutto con lui, il più piccolo, che il nonno è convinto sia nato da una relazione della nuora in tempo di guerra. Così lo punisce a ogni occasione, chiudendolo a chiave nella stanza delle mele selvatiche, dove Giacomo passa il tempo intagliando il legno e sognando l’avventura, le imprese degli scalatori celebri o degli eroi dei fumetti, e l’avventura gli corre incontro una tarda sera d’agosto. Con l’approssimarsi di un terribile temporale, Giacomo viene mandato dal nonno nel Bosch Negher a recuperare una roncola dimenticata lì al mattino. Mentre i tuoni sembrano voler squarciare il cielo, alla luce di un lampo il ragazzino scopre vicino all’attrezzo il corpo di un uomo appeso a un albero.

L’impiccato è di spalle e lui, terrorizzato, fugge via scordandosi la roncola. Con le sue abili mani Giacomo cercherà di sciogliere un mistero che sembra legato a doppio filo con la vita del paese, con i suoi riti ancestrali e con un cattolicesimo oscuro, intriso di elementi paranormali e credenze popolari. Matteo Righetto conosce profondamente il mondo arcaico della montagna – durissimo e vivo di profumi, sapori, dialetto e leggende – e ce lo restituisce nel suo romanzo più complesso e maturo, serrato e incalzante nel ritmo, fra emozioni ancestrali e amore per la natura.


RECENSIONI

Se ciò che stai cercando è un libro scorrevole ma che, una volta ultimato, possa lasciarti un qualcosa su cui riflettere allora questa è la lettura che fa per te!
Una storia coinvolgente quella di Giacomo che, rimasto orfano di padre e madre, vive insieme ai suoi due fratelli con i nonni in un piccolo paesino delle Dolomiti. Il rapporto che vive in casa non è sicuramente dei migliori: il nonno, un uomo rude e violento, è vittima del proprio passato e riversa le sue frustrazioni su di lui, che altro non può fare se non accettare e subire. La vita in montagna non è affatto semplice ed è scandita dal duro lavoro: un giorno durante un temporale Giacomo farà una scoperta sconvolgente, che lo accompagnerà per tutta la vita. Tutto questo porterà alla luce vecchi credi popolari, scheletri negli armadi e convinzioni radicate in quella società ancora chiusa e arcaica. Anni dopo il passato tornerà a far visita a Giacomo in maniera del tutto inaspettata, ma forse sarà proprio questo a concedergli finalmente la pace che merita!
Voto personale 4 su 5

[©Alessia Bombino @il_segna_libro__]

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.

Vota ora