3 motivi per guardare il nuovo film della Disney, Red.

0
511
Nessun Voto

Sì, lo so, questo articolo potrebbe risultare off-topic, ma sono rimasta piacevolmente colpita da questo film così carico di significati da volertene parlare.

Il primo motivo.
Se sei genitore o hai a che fare con un adolescente dovresti sapere che l’età adolescenziale è una questione complicata. Ci sono così tante emozioni a cui far fronte e non sempre si riescono a percepire una alla volta in modo da poterle valutare e reagire di conseguenza.

Mei è la piccola protagonista di questa storia, che quando non sa gestire un’emozione diventa un tenero panda rosso. Inizialmente sarà una sorta di maledizione, ma vestire i panni di Red non le dispiacerà poi così tanto.
La sua famiglia però pensa che sia un problema questo scatenarsi di emozioni, e di conseguenza ogni trasformazione che porta Mei a diventare Red.
Quindi, mentre si preparano a cacciarlo con un rituale, Mei nella sua stanzetta non sa se tutto questo sia giusto o sbagliato. Il papà entrerà nella sua stanza, notando quanto sia triste la sua piccola figlia e le dirà queste bellissime parole

“Abbiamo tutti molte sfaccettature del carattere Mei, con aspetti a volte complicati. L’obiettivo non è nascondere il lato negativo, ma trovargli posto, conviverci…”

Io non aggiungerei altro…

Secondo motivo.
La famiglia, quanta importanza danno i film Disney alla famiglia e anche in Red non mancherà questo messaggio.
Il rapporto madre e figlia. La figura della figlia che non vuole deludere le aspettative della madre. La figura della madre impegnata a voler salvare la figlia da tutto ciò che per lei è negativo, ma che in realtà forse non lo è neanche così tanto.

“Mei Mei ti prego vieni con me.”
“Io sto cambiando mamma, finalmente inizio a capire chi sono veramente, ma ho paura che questo mi allontani da te”
“Anche io, ti capisco Mei Mei, tu cerchi sempre di fare tutti felici ma sei così dura con te stessa, e se è per colpa mia, ti chiedo scusa. Perciò non fermarti, per nessuno. Più andrai lontano… più io sarò orgogliosa”

(e qui pianti a gogo)

È un messaggio di libertà dove i genitori molte volte devono imparare a fare volare i propri piccoli, per davvero… solo così poi si può essere uniti.

Terzo motivo.
Il bulletto della scuola. Condividendo insieme una passione il bulletto non è più così bullo e si scopre in lui un lato estremamente fragile, caratterizzato da una tale insicurezza!
Sarebbe bello poter trovare la chiave con il prossimo per legare, a volte basterebbe così poco. I bambini hanno tanto da insegnarci…

Se non l’hai ancora visto, non perdertelo! Non te ne pentirai…

Se vuoi condividere con me altri significati di questo bellissimo film d’animazione, mi trovi qui: @lefrasipiubelledeilibri

Vota ora