“La condanna dei viventi” – Marco De Franchi

0
383
Nessun Voto

AUTORE: Marco De Franchi
TITOLO: La condanna dei viventi
EDITORE: Longanesi
DATA USCITA: 05/05/22
GENERE: Thriller

TRAMA

Il bambino ritrovato nella notte sta nascondendo qualcosa. Fosco sostiene che è stato rapito ma è riuscito a scappare, correndo per le campagne toscane. Nessuno gli crede, o forse nessuno ha provato ad ascoltarlo davvero.
Io sì. E so che dentro il suo racconto si cela qualcosa di terribile. Qualcosa di più grande di lui e, forse, anche di me. Ma cosa può essere?

Soltanto quando un altro bambino scompare, inizio a intravedere uno spiraglio per portare avanti la mia indagine. Fosco e Andrea vivono lontani, non si conoscono, non hanno nulla in comune. Tranne l’aspetto: sono identici, potrebbero essere gemelli. Andrea, però, non ricompare: sta a me trovarlo, stanare chi ha ucciso suo padre e l’ha portato via da sua madre. Sta a me salvargli la vita. Ma da sola non ce la posso fare, ho bisogno di aiuto.
L’unico a credere in me è Fabio Costa, un poliziotto reietto e dal passato oscuro, spedito al confino in un piccolo commissariato di provincia.

Mentre il numero delle vittime aumenta, e gli enigmi si fanno sempre più indecifrabili, capisco che l’artefice di questi delitti risponde a un disegno superiore.

La sua è un’ossessione morbosa, feroce, inarrestabile: trasformare le proprie follie visionarie in violente realtà. In deliranti opere d’arte.
Mi chiamo Valentina Medici, sono il più giovane commissario del Servizio Centrale Operativo, e questa è la mia prima, vera indagine. E rischia di essere anche l’ultima della mia vita. Perché nessuno può precipitare in un pozzo così nero, così profondo, e sperare di rie­mergerne indenne.


RECENSIONI

Pur essendo stata fin da subito catturata dal titolo avevo qualche riserva sull’idea di affrontare una lettura così lunga per paura di trovarmi di fronte ad un’indagine noiosa, trascinata per le lunghe in maniera esagerata…invece non solo mi sono ricreduta, ma ne sono rimasta totalmente affascinata. Una catena di omicidi che fonda le sue radici nel passato e un killer sempre un passo avanti rispetto alle indagini svolte dagli inquirenti.

Una serie di misteriose sparizioni che presentano un’escalation di follia e orrore man mano che si arriva alla verità. Una verità scomoda, che si concretizza in qualcosa che va oltre ogni possibile fantasia. Il legame tra i delitti e le opere d’arte di Caravaggio conferiscono alla trama un’ulteriore arricchimento, trasportando il lettore all’interno di una vera e propria galleria d’arte. Un thriller mozzafiato che ti incolla fin dalle prime pagine con suspence e sgomento sempre crescente.

Una trama curata nei minimi dettagli, dove nulla é lasciato al caso; una serie di personaggi ben delineati e strutturati sia da un punto di vista caratteriale che psicologico. Super giusta la scelta del titolo che si comprende davvero appieno a lettura ultimata: la condanna dei viventi simboleggia, infatti, il peso che gli investigatori coinvolti in questa indagine saranno costretti a portarsi dietro per tutta la vita…condannati ad avere sempre scalfite nell’anima e nella mente quelle opere di morte e tormento volute da chi aveva fatto della propria follia uno stile di vita irrinunciabile!

Voto personale 6 su 5

©Alessia Bombino @il_segna_libro__

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.

Vota ora