“La madre scomparsa” – Emily Gunnis

0
112
5/5 (1)

Libro in uscita 05 Maggio 2022

AUTORE: Emily Gunnis
TITOLO: La madre scomparsa
TRADUTTORE: Elisabetta Valdrè
EDITORE: Garzanti
GENERE: Narrativa

TRAMA
Inghilterra, 1960. Rebecca Waterhouse ha solo tredici anni quando viene portata alla centrale di polizia. Mentre un detective la interroga, lei, in silenzio, stropiccia con le mani la vestaglia infangata e ripercorre quella terribile notte. Nella sua testa sente ancora l’eco delle grida del padre e nelle narici l’odore acre della polvere da sparo. Si ripromette di non parlare mai più del giorno in cui la sua vita è cambiata. Inghilterra, oggi. Quando Jessie Waterhouse scompare insieme alla figlia neonata, la sorella Iris salta sul primo treno per tornare nella tenuta di Seaview Cottage, dove è cresciuta. Sono passati anni dall’ultima volta. Lì, il tempo sembra non essere mai trascorso: è come se la vecchia casa in pietra fosse rimasta intrappolata nella nebbia. O forse è Iris che non riesce a perdonare la madre Rebecca, che si è sempre dimostrata fredda e scostante con lei e Jessie. Ma per scoprire quello che è accaduto alla sorella e alla nipote è disposta persino a condividere lo stesso tetto con l’anziana donna. Quello che ancora non sa è che dietro la loro scomparsa potrebbe celarsi un segreto che Rebecca custodisce da anni. Perché il passato è una fragile ragnatela di ricordi e di azioni che si ripetono di generazione in generazione. Una trappola che si può evitare solo trovando il coraggio di parlare. Perché i segreti hanno potere solo quando non hanno voce. Con l’esordio La figlia del peccato, Emily Gunnis ha raggiunto le vette delle classifiche in Inghilterra, dove ha venduto più di 300.000 copie.

In patria, il suo secondo romanzo è atteso con entusiasmo da migliaia di lettori, impazienti di restare ancora una volta con il fiato sospeso. Perché Emily Gunnis riesce a sorprenderci a ogni pagina. Nella Madre scomparsa ci mostra come i segreti hanno una storia lunga, con radici che si snodano per generazioni. Ma ci insegna anche quanto siano fragili, se si ha il coraggio di affrontarli.


RECENSIONI

“La madre scomparsa” è una storia di donne e di madri.
Iris, Jessie, Rebecca, Harriet.
Le loro voci, provenienti da generazioni diverse, hanno da raccontare quanto difficile, straordinario e determinante sia il ruolo di Madre.
Le donne, accomunate oltre che dal vincolo di sangue, sono unite anche da un tremendo passato, che si è voluto nascondere e dimenticare, ma che torna prepotente a scardinare gli equilibri del presente.
Tutto ha origine quando Jessie, poco dopo aver dato alla luce la sua bambina, sparisce dall’ospedale. Nessuno sa dove sia andata, cosa ne abbia fatto della bambina.
Quel velo che per anni si sono premurate di tenere su, che copriva verità, dolori e paure, si è squarciato. Le mezze verità non sono più sopportabili, tutto l’amore con cui si è voluto coprire ciò che è stato è diventato una coperta troppo piccola.
E allora bisogna ritornare lì dove tutto è iniziato. Bisogna unire i punti, lasciare che quel passato che le ha travolte tutte, anche con anni di distanza, possa finalmente liberarle dal suo giogo.
Bisognerà perdonare e perdonarsi.
Anello di congiunzione sarà Cecilia, custode di tormenti che tiene dentro di sé da oltre cinquant’anni.
“La madre scomparsa” è forte. È un intreccio solido di storie simili, che si ripetono come vittime di un sinistro sortilegio. Quel fantasma che vaga tra loro è la psicosi puerperale.
L’autrice pone l’accento su questa psicopatologia importante e sulla percezione e considerazione di essa negli anni. Partendo dal momento in cui la donna era semplicemente “pazza”, arrivando fino ai giorni nostri in cui il riguardo che se ne ha è nettamente diverso.
Essere genitore, e madre in questo caso, non è certo semplice come percorrere un percorso tracciato; è facile sbagliare, tentennare, avere paura. Ma l’amore viscerale e fisiologico che comporta è un fiume in piena che non conosce limiti.

©Martina Caruso per @lefrasipiubelledeilibri

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.

Vota ora