“Il gioco dell’angelo” – Carlos Ruiz Zafón

Il cimitero dei libri dimenticati. Vol. 2

0
741
gioco

AUTORE: Carlos Ruiz Zafón
TITOLO: Il gioco dell’angelo
TRADUTTORE: Bruno Arpaia
EDITORE: Mondadori
GENERE: Narrativa

TRAMA – Il gioco dell’angelo

Nella tumultuosa Barcellona degli anni Venti, il giovane David Martín cova un sogno, inconfessabile quanto universale: diventare uno scrittore. Quando la sorte inaspettatamente gli offre l’occasione di pubblicare un suo racconto, il successo comincia infine ad arridergli.

È proprio da quel momento tuttavia che la sua vita inizierà a porgli interrogativi ai quali non ha immediata risposta, esponendolo come mai prima di allora a imprevedibili azzardi e travolgenti passioni, crimini efferati e sentimenti assoluti, lungo le strade di una Barcellona ora familiare, più spesso sconosciuta e inquietante, dai cui angoli fanno capolino luoghi e personaggi che i lettori de “L’ombra del vento” hanno già imparato ad amare.

Quando David si deciderà infine ad accettare la proposta di un misterioso editore – scrivere un’opera immane e rivoluzionaria, destinata a cambiare le sorti dell’umanità -, non si renderà conto che, al compimento di una simile impresa, ad attenderlo non ci saranno soltanto onore e gloria.

l gioco dell’angelo

gioco

“Il cimitero dei libri dimenticati” la serie:

L’ombra del vento
Il gioco dell’angelo
Il prigioniero del cielo
Il labirinto degli spiriti


Le FRASI

Entrai nella libreria e aspirai quel profumo di carta e magia che inspiegabilmente a nessuno era ancora venuto in mente di imbottigliare.

 Carlos Ruiz Zafón, l gioco dell’angelo
_____

L’unico modo di conoscere davvero uno scrittore è attraverso la scia di inchiostro che lascia, la persona che uno crede di vedere è solo un personaggio vuoto e la verità si nasconde sempre nella finzione.

_____

La gente normale mette al mondo dei figli; noi romanzieri dei libri. Siamo condannati a morire nelle loro pagine e a volte perfino a lasciare che sicuro loro a toglierci la vita.

Carlos Ruiz Zafón, l gioco dell’angelo
_____

La poesia si scrive con le lacrime, i romanzi con il sangue e la storia con le bolle di sapone.

_____

Uno non sa cosa sia la sete fin quando non beve per la prima volta.

_____

Non mi fido della gente convinta di avere molti amici. E’ segno che non conosce gli altri.

Carlos Ruiz Zafón, l gioco dell’angelo

gioco

_____

L’intelligenza con cui nasci è solo una dotazione di munizioni. Per riuscire a farci qualcosa è necessario trasformare la tua mente in un’arma di precisione.

_____

Sai qual’è il bello dei cuori infranti?
Che possono rompersi davvero soltanto una volta. Il resto sono graffi.

_____

E’ l’unico cammino di salvezza. Credere per sopravvivere.

Carlos Ruiz Zafón, l gioco dell’angelo
_____

Il tempo cura tutto, pensai, meno la verità.

_____

La vanità appannava l’amarezza, e il dolore chiudeva le porte alla coscienza.

Carlos Ruiz Zafón, l gioco dell’angelo
_____

…se fossimo capaci di vedere senza paraocchi la realtà del mondo e di noi stessi per un solo giorno, dall’alba al tramonto, ci toglieremmo la vita o perderemmo la ragione.

_____

Uno scrittore non dimentica mai la prima volta che accetta qualche moneta o un elogio in cambio di una storia. Non dimentica mai la prima volta che avverte nel sangue il dolce veleno della vanità e crede che, se riuscirà a nascondere a tutti la sua mancanza di talento, il sogno della letteratura potrà dargli un tetto sulla testa, un piatto caldo alla fine della giornata e soprattutto quanto più desidera: il suo nome stampato su un miserabile pezzo di carta che vivrà sicuramente più a lungo di lui. Uno scrittore è condannato a ricordare quell’istante, perché a quel punto è già perduto e la sua anima ha ormai un prezzo.

Carlos Ruiz Zafón, l gioco dell’angelo

gioco

_____
“Si finisce per diventare ciò che si vede negli occhi di quelli che si desiderano.”
_____

L’invidia è la religione dei mediocri. Li consola, risponde alle inquietudini che li divorano e, in ultima istanza, imputridisce le loro anime e consente di giustificare la loro grettezza e la loro avidità fino a credere che siano virtù e che le porte del cielo si spalancheranno solo per gli infelici come loro, che attraversano la vita senza lasciare altra traccia se non i loro sleali tentativi di sminuire gli altri e di escludere, e se possibile distruggere, chi, per il semplice fatto di esistere e di essere ciò che è, mette in risalto la loro povertà di spirito, di mente e di fegato.

Carlos Ruiz Zafón, l gioco dell’angelo
_____

«Ha una brutta faccia» sentenziò.
«Indigestione» replicai.
«Di cosa?»
«Di realtà»

_____

Nel mio mondo, le grandi speranze vivevano solo fra le pagine di un libro.

Carlos Ruiz Zafón, l gioco dell’angelo

gioco


RECENSIONI

Vuoi essere il primo ad inviarci la recensione di questo libro?
Scrivici a: annarita.paolicelli85@gmail.com

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.