“Il profeta” – Kahlil Gibran

0
476

AUTORE: Kahlil Gibran
TITOLO: Il profeta
TRADUTTORE: Gian Piero Bona, Alessandro Storti
EDITORE: Tre60
GENERE: Saggi

TRAMA – Il profeta

«Questo libro non è solo per chi ama la poesia. È per chiunque si sia mai chiesto cosa sia la vita. Se cercate una cosa che vi sorregga nei momenti più dolorosi, e che al tempo stesso vi tenga con i piedi per terra in quelli più gioiosi, eccola qui, tra le vostre mani. I testi contenuti in queste pagine diventeranno anche per voi una medicina e una guida.

E via via che invecchierete, invecchieranno con voi anche le loro parole. Via via che vi evolverete, evolverà anche Il Profeta, diventando ciò che occorre a voi, quando occorre a voi, prendendo la forma di un’ancora, di una corda cui aggrapparsi, e di un amico. È un camaleonte.

È il bruco e la farfalla. Se arrivate qui per la prima volta, benvenuti. Vi invidio. Se siete già stati qui, è bello riavervi qui, amici.» – Rupi Kaur.

Il profeta

il profeta


FRASI

Quando l’amore vi chiama, seguitelo, benché le sue vie siano ardue e ripide.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

E quando le sue ali vi avvolgono, abbandonatevi a lui, anche se la spada nascosta tra le sue penne può ferirvi.

_____

E quando esso vi parla, credetegli, anche se la sua voce può infrangere i vostri sogni come il vento del nord quando devasta il vostro giardino.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

Come l’amore vi incorona, così vi crocifigge.

_____

E’ egualmente pronto sia a farvi fiorire che a potarvi.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

Egualmente ascende fino alla cima ad accarezzare i rami più teneri che tremolano al sole, e discenderà fino alle vostre radici e le scuoterà là dove più sono abbarbicate alla terra.

_____

L’amore non dona che se stesso e nulla prende se non da se stesso.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

L’amore non possiede né vorrebbe essere posseduto; poiché l’amore basta all’amore.

_____

Amatevi reciprocamente, ma non fare dell’amore un laccio: lasciate piuttosto che vi sia un mare in moto tra le sponde delle vostre anime.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

Riempia ognuno la coppa del’altro, ma non bevete da una coppa sola.

_____

Scambiatevi il pane, ma non mangiate dalla stessa pagnotta.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

Cantate e danzate e siate gioiosi insieme, ma che ognuno di voi resti solo, così come le corde di un liuto son sole benché vibrino della stessa musica.

_____

Datevi il cuore, ma l’uno non sia in custodia dell’altro.

Kahlil Gibran, Il profeta

il profeta

_____

Poiché soltanto la mano della Vita può contenere entrambi i cuori.

_____

E restate uniti, benché non troppo vicini insieme: poiché le colonne del tempio restano tra loro distanti, e la quercia e il cipresso non crescono l’una all’ombra dell’altro.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

La vostra gioia è il vostro dolore senza la maschera.

_____

E il pozzo da cui scaturisce il vostro riso fu spesso pieno delle vostre lacrime.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

Quanto più penetra e scava il dolore dentro di voi, tanta più gioia potrete contenere.

_____

Quando siete gioiosi, guardate a fondo nel vostro cuore, e vedrete che solo quello che vi ha dato dolore vi dà ora gioia: quando siete dolenti, guardate ancora nel vostro cuore, e vedrete che state in realtà state piangendo per quello che vi ha dato diletto.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

Alcuni di voi dicono: “La gioia è più grande de dolore”, e altri dicono: “No, il dolore è più grande.

_____

Ma io vi dico che essi sono inseparabili.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

Essi giungono insieme, e quando l’uno siede con voi alla vostra mensa, ricordate che l’altro dorme nel vostro letto.

_____

In verità, siete come bilance oscillanti tra il dolore e la gioia.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

Soltanto quando siete svuotati, siete fermi e bilanciati.

_____

Dolore è il rompersi del guscio che racchiude la vostra intelligenza.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

Così come il nocciolo del frutto deve rompersi perché il suo cuore possa esporsi nel sole, così dovete conoscere voi il dolore.

_____

E se voi sapeste tenere il cuore in stato di meraviglia di fronte ai quotidiani miracoli della vita, il dolore vi apparirebbe non meno mirabile della gioia; e voi accogliereste le stagioni del vostro cuore, così come sempre avete accolto le stagioni che si susseguono sui vostri campi.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

E vegliereste sereni durante gli inverni del vostro dolore.

_____

Molto del vostro dolore è scelto da voi stessi.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

E’ l’amara pozione con la quale il medico che è dentro di voi guarisce il vostro io malato. Confidate perciò nel medico e bevete il suo rimedio in silenzio e tranquillità.

_____

Il vostro amico è la vostra esigenza soddisfatta.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

E’ il campo che seminate con più amore e che mietete con riconoscenza.

_____

E’ la vostra mensa e il vostro focolare.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

Poiché da lui vi recate per la vostra fame, è lui che ricercate per la vostra pace.

_____

Quando egli tace, il vostro cuore non smette di ascoltare il suo cuore; poiché, nell’amicizia, pensieri, desideri, attese, tutto nasce ed è condiviso senza parole, con una gioia priva di plauso. Se vi separate dall’amico, non rattristatevi; poiché ciò che maggiormente amate in lui può meglio risplendere nell’assenza, così come una vetta appare allo scalatore più chiara dalla pianura. Non vi sia nell’amicizia altro proposito che l’approfondimento dell’animo. Poiché l’amore che cerca qualcosa che non sia lo schiudersi del suo proprio mistero non è amore ma una rete lanciata a caso: nella quale si afferra solo ciò che è vano.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

E sia per l’amico la parte migliore di voi.
Se egli dovrà conoscere il riflusso della vostra marea, fate che ne conosca anche il flusso.

_____

Nella rugiada delle piccole cose il cuore scopre il suo mattino e ne è ristorato.

Kahlil Gibran, Il profeta
_____

Vorreste misurare il tempo, il tempo che non ha misura ed è incommensurabile.
Vorreste regolare la vostra condotta e dirigere finanche il corso del vostro animo secondo le ore e le stagioni.
Del tempo vorreste fare una corrente sulla cui riva sedere guardandone il fluire.
Ma ciò che è in voi senza tempo è consapevole della atemporalità della vita. E sa bene che l’oggi non è che il ricordo di ieri, e domani non è che il sogno di oggi.

_____

Ma se col pensiero avete da misurare il tempo in stagioni, fate allora che ciascuna stagione cinga tutte le altre, e che il presente abbracci il passato con il ricordo e il futuro con l’ardente desiderio.

Kahlil Gibran, Il profeta

il profeta


RECENSIONI

Vuoi essere il primo ad inviarci la recensione di questo libro?
Scrivici a: annarita.paolicelli85@gmail.com

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.