“Il rosmarino non capisce l’inverno” – Matteo Bussola

0
121
Il rosmarino non capisce l'inverno

AUTORE: Matteo Bussola
TITOLO: Il rosmarino non capisce l’inverno
EDITORE: Einaudi
DATA USCITA: 28/06/2022
GENERE: Narrativa

TRAMA – Il rosmarino non capisce l’inverno

Una donna sola che in tarda età scopre l’amore. Una figlia che lotta per riuscire a perdonare sua madre. Una ragazza che invece non vuole figli, perché non sopporterebbe il loro dolore.

Una vedova che scrive al marito. Una sedicenne che si innamora della sua amica del cuore. Un’anziana che confida alla badante un terribile segreto.

Le eroine di questo libro non hanno nulla di eroico, sono persone comuni, potrebbero essere le nostre vicine di casa, le nostre colleghe, nostra sorella, nostra figlia, potremmo essere noi.

Fragili e forti, docili e crudeli, inquiete e felici, amano e odiano quasi sempre con tutte sé stesse, perché considerano l’amore l’occasione decisiva.

Cadono, come tutti, eppure resistono, come il rosmarino quando sfida il gelo dell’inverno che tenta di abbatterlo, e rinasce in primavera nonostante le cicatrici.

Un romanzo in cui si intrecciano storie ordinarie ed eccezionali, che ci toccano, ci interrogano, ci commuovono.

Il rosmarino non capisce l’inverno

Il rosmarino non capisce l'inverno


FRASI
“Si rese conto che i sogni, per quanto semplici, hanno bisogno di essere accuditi, fatti fiorire, non si possono affrontare con leggerezza, senza alcuna preparazione.”

Matteo Bussola, Il rosmarino non capisce l’inverno
_____

Ci sono giorni in cui penso che stiamo insieme per proteggerci a vicenda, ciascuno custode del limite o delle scelte dell’altro. Ci teniamo reciprocamente al sicuro. Non è questo, In fondo l’amore?”

_____

È solo che, magari, ogni tanto, ci illudiamo di salvare chi amiamo provando a salvare qualcun altro che ce lo ricorda, tutto qui. Ma le persone perdute restano perdute. E noi restiamo noi, disperati e alla ricerca di un’infinita redenzione, di una felicità uguale a quella di prima. Che non arriverà.

Matteo Bussola, Il rosmarino non capisce l’inverno
_____

Forse la rabbia non è l’unica gabbia dentro la quale si può rimanere prigionieri. Il senso di responsabilità, il timore di deludere o ferire chi ci ama, possono essere anche peggio.


Sei una guerriera” […] Sono una guerriera per lei, lascio che lo pensi perché pensarlo la fa stare meglio. Le serve per superare la sua paura […]. La verità è che nella malattia non ci sono guerre da vincere, ci sono solo persone che fanno di tutto per restare vive – dove «restare vive» non significa solo tornare in salute.

C’è chi guarisce e c’è chi, purtroppo, non ce la fa. Quelli che guariscono non hanno vinto, quelli che non guariscono non hanno perso. Nell’innocenza del nostro desiderio di incoraggiare, bisognerebbe badare un po’ di più alle parole.
Se non sopravvivi a una malattia non significa che non sei stato abbastanza guerriero, o che hai combattuto di meno. Chi ce la fa, a volte, ha solo avuto più fortuna.

E bisognerebbe lasciare il sacrosanto diritto, a un malato, di sentirsi fragile, debole, sconfitto o incazzato. Bisognerebbe evitare di caricargli, oltre al peso della malattia, quello del dover guarire per non deludere le persone a lui care, che gli dicono «forza, sei un guerriero, ce la fai».

Matteo Bussola, Il rosmarino non capisce l’inverno

Il rosmarino non capisce l'inverno

_____

Ma per una mamma i figli non crescono mai, neanche se sono alti come pertiche, perfino quando hanno figli anche loro…

_____

La vita di chi resta, alla fine, non è che questo. Un insieme di «non».

Matteo Bussola, Il rosmarino non capisce l’inverno
_____

Si può fare una pausa dall’amore per una persona?

_____

Quand’è che le parole d’amore diventano di seconda mano? Dopo essere state usate quante volte, ascoltate da quante orecchie? Da quante persone differenti?

_____

Matteo Bussola, Il rosmarino non capisce l’inverno – Ed. Einaudi

_____

Anche gli onesti possono trafiggerti con una lama, soprattutto se sono coloro ai quali hai affidato il tuo cuore.

_____

La felicità, purtroppo, la riconosci spesso dopo, quando non ce l’hai più.

Matteo Bussola, Il rosmarino non capisce l’inverno

Il rosmarino non capisce l'inverno


RECENSIONI

Vuoi essere il primo ad inviarci la recensione di questo libro?
Scrivici a: annarita.paolicelli85@gmail.com

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.