“Il sesso delle donne” – Anne Akrich

Frammenti di un discorso bellicoso

0
148

AUTORE: Anne Akrich
TITOLO: Il sesso delle donne
TRADUTTORE: Martina Magri
EDITORE: Beat – Neri Pozza
DATA USCITA: 05/09/2023
GENERE: Intospettivo – Biografico

TRAMA – Il sesso delle donne

In un flusso travolgente, Anne Akrich ci trascina di fronte alla montagna dei suoi ricordi da scalare (alcuni estremamente dolorosi, altri semplicemente esilaranti), dei suoi pensieri spesso «grigio antracite tendenti al nero ebano», per capire come ci ritroviamo a leggere le spavalde confessioni di una donna, per sua stessa definizione, «vulvocentrica».

Il punto di partenza è proprio il sesso delle donne, da cui tutto è cominciato, da cui da sempre tutto comincia. Con una metafora bellica, è la trincea da cui raccontare il campo di battaglia che è diventata oggi la relazione tra donne e uomini, da cui raccontare le storie di guerra e di vendetta che tutti, pure quelli che non lo sanno, devono ascoltare ancora e ancora.

In questo libro iconoclasta, in cui la rabbia arrembante si mescola all’umorismo corrosivo, Akrich si spinge con rara audacia a esprimere a voce alta ciò che molte donne confessano solo a sé stesse e che molti uomini si rifiutano perfino di concepire: la centralità del desiderio femminile, l’ambiguità della maternità, le infinite gradazioni dello stupro, l’enorme zona grigia del consenso, il dialogo impossibile tra i sessi, l’importanza delle parole esatte per nominare tutto questo. Un atto ancora necessario – anche dopo decenni di femminismo – a superare la misoginia pervicace e secoli di stereotipi sul sesso, e sul piacere femminile. E se la risata fosse l’arma piú potente per seppellire i nostri sterili antagonismi?

Il sesso delle donne

FRASI

– Sí, la gente è complessa. Siamo fatti di paradossi. L’ambivalenza è il cuore pulsante del mondo. Le cose non sono bianche o nere.
Grazie a dio, ci resta la zona grigia per pensare!


RECENSIONI

Questo libro é un piccolo manifesto, un poster, un grido, decisamente declinato al femminismo. Finita l’ultima pagina, dentro un libro in cui ho sorriso e mi sono arrabbiata, mi sono sentita femmina e femminista più che mai.

Innanzitutto l’autrice meravigliosa, grande capacità comunicativa, profonda (ed anche amara) ironia, sagacia, lungimiranza, profondità il tutto elargito al lettore con una padronanza della scrittura tale che dopo le prime pagine ho avuto l’impressione di parlarle al telefono come se fosse una amica di vecchia data in vena di fare condofenze. Tutte le parole usate dall’autrice mi hanno permesso di riflettere sulla mia condizione di donna.

Soprattutto nei termini in cui la donna viene relazionata al sesso e al suo sesso.

Di fatto si usano per la donna tanti aggettivi, si parla di cammino, di diritti e di conquiste ma siamo ancora all’antipasto. Di fatto permane una cultura in cui il maschio, il suo sesso, il suo piacere assoggettano le donne.

E allora ecco che la Akrich scrive di sé, della sua scoperta del sesso, della delusione, della violenza, della disparità asfissiante che copre i due sessi.
Un manifesto femminista in cui le metafore e l’ironia fanno sorridere, la schiettezza é acqua gelata in faccia, le esperienze dolorose sono aghi sui fianchi.

La fatica delle donne é palpabile.
Il potere eccessivo degli uomini nella cultura è palpabile.
E poi il sesso, materia così profondamente delicata da essere trattata con cura.

Ho ripensato alle mie prime esperienze, al consenso sempre chiesto prima di fare o dire qualcosa, alla scontatezza di certe dinamiche, alla finta libertà, alla mia incapacità per anni di sentirmi all’altezza, al disagio con cui ho affrontato il desiderio, alla eccessiva rigidità dei miei e alla necessità di fare scoperte.

Questo libro parla anche di questo. Nessun donna può dire di non riconoscersi tra le pagine.
Nessuna.

Si parla del potere del no, del potere del sesso, del potere degli uomini, dei paradossi dei sessi e della società, della fluidità.
Questo libro parla di me e parla a mia figlia.

Questo libro é un invito ad essere intelligente e progressista e femminista ed è un invito a vedere mio figlio che cresce come una speranza, come occasione per fare la mia parte nell’aiutare un uomo a capire davvero i diritti ed il potere delle donne.

Io lo consiglio a tutti, in maniera trasversale.

[©Maria Elena Bianco]

Il sesso delle donne

sesso

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.