“La via del miele” – Cristina Caboni

0
471
via del miele

AUTORE: Cristina Caboni
TITOLO: La via del miele
EDITORE: Garzanti
DATA USCITA: 11/10/22
GENERE: Narrativa

TRAMA – La via del miele

Dal tetto del palazzo, Alice riesce ad ammirare tutta Parigi. Davanti a tanta bellezza, ciò che si è lasciata alle spalle non fa più così male. Con sé ha portato solo la cosa più importante: le sue api.

Lì, a decine di metri d’altezza, c’è il suo alveare, un posto per lei magico. Ma ora le api sono scomparse, e Alice sa che questo è un messaggio per lei.

Loro da sempre le indicano la strada. Così, quando il telefono squilla, capisce che tutto sta per cambiare: sua sorella Emma, la persona che ha amato come nessun’altra, ma che non sente da due anni a causa di una sciocca lite, non c’è più.

Prima di andarsene, però, le ha lasciato il dono più grande: sua figlia. Alice non sapeva di avere una nipote e non ha idea di come si cresca un bambino.

Non si sente all’altezza. Deve trovare qualcuno che se ne prenda cura, anche se questo vuol dire andare in Sardegna, l’isola che fa da sfondo a tanti racconti della sua famiglia. L’isola dove vedrà le sue api volare leggere e riflettere il sole in lampi d’oro. Dove anche l’amore avrà un significato nuovo.

Gli odori, i sapori e il vento di quella terra lontana faranno cadere una a una tutte le sue certezze, mentre le sue radici riaffioreranno dalla terra. Perché per andare avanti dobbiamo sapere chi siamo stati.

Come un’ape che ricorda sempre la strada verso l’alveare, abbiamo tutti bisogno di trovare un posto da chiamare casa. Cristina Caboni torna con un romanzo che è un inno alla natura.

L’autrice ci parla di quello che le sta più a cuore, la magia delle api e la difesa del loro mondo. Una storia di scelte e di legami familiari. Di amore e di speranza. Tra il fascino di Parigi e quello della Sardegna, una ragazza prova ad abbattere le barriere che la dividono dalla vera sé stessa.

La via del miele

via del miele


FRASI

Tutto passava, anche il dolore. Non perché si dissolvesse, ma perché cambiava. E allora diventava sopportabile.

Cristina Caboni, La via del miele
_____

La scomparsa di qualcuno che hai amato ti pone davanti a molti interrogativi, non c’è nient’altro che possa costringerti a guardarti dentro. Niente maschere, niente finzioni.

_____

La paura è come la cattiveria, ti dà una spinta. La direzione dove andare poi però la scegli tu.”

_____

“Non ci siamo parlate per anni.”
“I ponti sono difficili da realizzare, ma non impossibili. Si sorreggono sulla volontà. Era questione di tempo, vi sareste riconciliate.”

_____

Guardati dal rimpianto, […] è la porta della sofferenza più feroce, quella che affonda gli artigli nella parte profonda dell’anima e avvelena ogni gioia.

Cristina Caboni, La via del miele

via del miele

_____

Mi manca.
Ci farai l’abitudine e un giorno non ti farà più così male. Lo sentirai come si sente un organo, il cuore, i polmoni, e farà sempre parte di te quel dolore, quella mancanza, ma saprai che respirare, mangiare, sorridere e amare fa parte della vita. Guardare avanti non è una colpa.

_____

Non chiedere mai ciò che non vuoi sapere.

_____

Dopo un po’ ci si abitua.
A cosa?
Al vento, al silenzio, alla felicità.”

_____

Ho dimenticato le miei radici. Ma il miele mi ha riportato a casa. Perché ognuno ha il suo posto nel mondo.

Cristina Caboni, La via del miele
_____

Niente accade all’improvviso, figlia mia, ci sono sempre segni intorno a noi.
Devi solo fare attenzione, ricordati però che gli occhi arrivano fin dove possono, sono limitati. È il cuore che devi guardare perché è immenso e ti guiderà con saggezza.

Cristina Caboni, La via del miele

via del miele

_____

La libertà, amica mia, ha sempre un prezzo. Devi saper scegliere.

_____

Siamo tutti collegati, filla mia. Siamo gocce dello stesso mare.

Cristina Caboni, La via del miele
_____

Quello che succede a uno si ripercuote sugli altri. La felicità di uno è la felicità di tutti.

_____

“È al silenzio che devi fare attenzione, filla mia”. Alice guardò perplessa la nonna. Lei le sorrise come se sapesse cosa stava pensando. “Come riesci a leggere dentro la gente?

Cristina Caboni, La via del miele

via del miele

_____

Guardo sempre negli occhi. Guardo come si muovono, guardo le loro mani e arrivo a capire ciò che custodiscono nel cuore.

_____

Alice amava il mare da che ne aveva memoria. Non sapeva se dipendesse dall’immensità, da quell’azzurro cangiante che poteva tramutarsi in un grigio acciaio, in un placido verde screziato di celeste o in cupo blu. O se fosse per via del moto perpetuo e ipnotico delle onde, dell’odore salmastro, del vento che accarezzava la superficie sollevando riccioli di spuma bianca.

_____

Sapeva solo che guardandolo le faceva bene.

_____

L’unica cosa che voglio fare davvero con te, Alice, è baciarti, e continuare a farlo finché la smetterai di pensare e ti lascerai andare.

_____

La verità è la strada migliore, Alice, quella giusta. A ogni costo.

_____

Stai tranquilla, filla mia. Tutto si sistema. Niente dura per sempre, nemmeno il dolore. Io Lo so, credi a me.

Cristina Caboni, La via del miele

via del miele


RECENSIONI

Vuoi essere il primo ad inviarci la recensione di questo libro?
Scrivici a: annarita.paolicelli85@gmail.com

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.