“Sotto la pioggia gentile” – Olafur Olafsson

0
55
Sotto la pioggia gentile

AUTORE: Ólafur Ólafsson
TITOLO: Sotto la pioggia gentile
EDITORE: Einaudi
DATA USCITA: 10/10/2023
GENERE: Narrativa

TRAMA – Sotto la pioggia gentile

Il viaggio alla ricerca di una donna che Kristófer pensava scomparsa dalla sua vita per sempre. Tra il fascino scandinavo dell’Islanda e l’incanto del Giappone, una meditazione toccante e poetica sulle occasioni perdute e il riverbero, implacabile, dei ricordi.

Con l’arrivo della pandemia, Kristófer, vedovo di 74 anni, è costretto a chiudere il suo ristorante a Reykjavík, sprofondando in una spirale di incertezza e malinconia.

Fino a quando un messaggio su Facebook di Miko Nakamura, una donna che aveva conosciuto da giovane a Londra, lo trascina inesorabilmente in una storia d’amore che credeva di aver dimenticato e lo costringe a partire, dopo tanti anni, per il Giappone.

In un itinerario che lo porterà non solo a rivedere Miko, ma anche a ripercorrere più di cinquant’anni della sua esistenza. Lirico, sentimentale e ricolmo di grazia, un romanzo che esplora il peso che gli amori e le amicizie del passato continuano ad avere sulla nostra vita.

«Forse credevo di lasciarmi alle spalle quella città, con tutto ciò che aveva attinenza con essa; forse credevo che con il tempo sarei riuscito a ricominciare daccapo.

Ma l’ho portata con me, allo stesso modo dei libri che avevo chiuso nello scatolone, e della tazza da tè che ho tenuto in mano per tutto il volo, la stessa che stamattina ho lasciato sul tavolo della cucina. Nel mio bagaglio ho messo la città, i ricordi, la gioia, la tristezza, la rabbia… e quell’amore che mi è stato d’ostacolo in tante cose, per tutti questi anni».

FRASI

“Non sapevo dargli un nome, e forse questa era la cosa peggiore, perché se un pensiero non è ancora tradotto in parole non si riesce a elaborarlo: è come un nemico invisibile, non si può ridurlo al silenzio, né parare i suoi affondi.”


RECENSIONI

Dopo settimane trascorse senza leggere o a leggere con difficoltà mi imbatto in questo libro comprato per coccolarmi attratta dalla copertina. Questa copertina la trovo rilassante. Comincio a leggere e mi imbatto in una storia che mi è piaciuta sin da subito perché dentro i ricordi si intrecciano ad un amore perduto ed il Covid é la tela su cui si dipingono diversi colori emotivi.

La storia è ambientata nelle odierne Reykjavík, Hiroshima e nella Londra degli anni ’60.
Si, dentro questa storia ci sono anche pagine di storia che vale la pena ricordare.

Kristófer è il protagonista ed ha 70 anni (cosa che mi ha stupito e mi è piaciuto assai) e per il covid decide di chiudere il suo ristorante nel centro di Reykjavík. Le restrizioni dure e continue gli fanno prendere la decisione di chiudere dopo decenni di attività di successo. Mentre programma il suo pensionamento ricevr una sorpresa dalla vita. Riceve una richiesta di amicizia inaspettata su Facebook: è di Miko, una donna nippo-britannica di cui era innamorato ben cinquant’anni anni prima.

Kristófer e Miko avevano avuto una relazione intensa e segreta decenni prima a Londra quando lui aveva lasciato l’università per andare a lavorare come lavapiatti nel ristorante del padre di Miko. Quel messaggio apre uno spiraglio sul nuovo e Kristófer prende la decisione impulsiva di farle visita a Hiroshima, dove si è trasferita dopo che lei e suo padre hanno lasciato improvvisamente Londra. Improvvisamente il tempo sembra non essere mai passato, si scioglie, decenni fusi come neve al sole.

E comincia il viaggio. Pieno di speranza di timori parte per un viaggio che potrebbe rivelarsi difficoltoso dal punto di vista pratico a causa del virus, così come, dal punto di vista emotivo. Perché è ovvio che molti nodi verranno al pettine, o almeno cosi spera.

Mentre fa la valigia e comincia il viaggio I ricordi riemergono e cominciano a dipingere una tela che solo adesso scopre essere bianca. Bianca adesso sente la sua vita…
Questo é un romanzo gentile, poetico per certi versi, elegante, intimistico, scritto bene.
Un romanzo che incanta delicatamente fino alla sorpresa del finale…

©Maria Elena Bianco


Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.