“Tanto poco” – Marco Lodoli

0
69
tanto

AUTORE: Marco Lodoli
TITOLO: Tanto poco
EDITORE: Einaudi
DATA USCITA: 13/02/2024
GENERE: Narrativa

TRAMA – Tanto poco

avere l’impulso di rivelarsi, di dire eccomi, guardami, sono qui. È quello che capita alla bidella di una scuola dove insegna un ragazzo coi riccioli neri, intemperante, ribelle, pieno di sogni.

Quarant’anni passati a difenderlo dai pericoli, dalle cattiverie, dal mondo. In silenzio, di nascosto: perché per avere un attimo di felicità bisogna saper perdere tutto. «Le stagioni passano, le foglie crescono, cadono e ricrescono e tutto cambia.

Ma io sono stata sempre qui, ferma, radice piantata in una devozione che forse è amore e forse è solo paura».

L’amore da lontano, l’amore che non si sporca con la vita, l’amore puro, assoluto, incrollabile: il nuovo romanzo di Marco Lodoli racconta la passione silenziosa e implacabile di una bidella per un professore che non si accorge di nulla, troppo preso dalle sue ambizioni artistiche, dall’illusione di essere diverso dagli altri, dalle sue piccole vanità.

Matteo è un insegnante, ma anche uno scrittore: prometteva bene, poi però si è smarrito. E lei non ha mai cessato di amarlo, ma a che prezzo? Per difendere quella rosa bianca dal fango della vita ha dovuto essere inflessibile, feroce, spietata. Rinunciare a tutto.

Marco Lodoli ci porta al centro di un sentimento travolgente che è rincorsa e fuga, smania e tensione verticale, sogno che niente e nessuno deve interrompere: una finzione folle, e proprio per questo più forte di ogni realtà.

Tanto poco

tanto


Proposto da Elena Stancanelli al Premio Strega 2024 con la seguente motivazione:

«Delle persone che ammiriamo, che desideriamo, anche prossime, non sappiamo che quello che vediamo. Pochissimo, quindi.

È così anche per Vittoria, una donna piena di angoli bui che negli anni Settanta arriva a Scauri, un paese del basso Lazio dove sa che non incontrerà persone della sua vita precedente. Vittoria a Scauri arriva accompagnata da una ragazza, Mara, che è così giovane da poter essere sua figlia ma che sua figlia non è.

Con lei Vittoria convive per vent’anni. Aprendo una pensione per cani, nuotando ogni mattina, passando con leggerezza il tempo in una vita che sembra al di sotto delle sue qualità. Ma quante persone così capita di incontrare?

Tutti la osservano, in paese; negli anni, la sua figura elegante diventa familiare, le domande si quietano. Poi un giorno Vittoria viene trovata morta nella sua vasca da bagno. Una fine improbabile, che il paese accetta perché sa capire le disgrazie e tace.

È da qui che inizia il romanzo. Dalla telefonata che l’avvocata Lea Russo riceve nel suo studio mentre è alle prese con un piccolo caso di rissa tra minori.

Chiara Valerio sceglie la forma dell’inchiesta, dell’indagine per scrivere un romanzo di rara intensità, ritmato con straordinaria sapienza narrativa, sull’ambiguità dei nostri desideri, su come ciò che sappiamo degli altri – quelli che ammiriamo, che amiamo – ma anche di noi stessi sia un orizzonte sfuggente, parziale, sempre in movimento.

Per queste ragioni sono lieto di presentare questo romanzo per l’edizione 2024 del Premio Strega.»


FRASI

Io ero felice cosí com’ero, senza speranze, perché ogni speranza è una pretesa, un meschino investimento sul futuro, una scommessa che chiede fortuna.

Marco Lodoli, Tanto poco

tanto

_____

Ma l’amore non è proprietà privata, filo spinato, casa, famiglia, l’amore non è riconoscenza, gratitudine, debito, l’amore non è neanche condivisione, legame, unione. L’amore non produce nient’altro che se stesso, è solo meraviglioso spreco delle poche energie interiori che la vita ci ha consegnato. Sono i talenti non investiti né sepolti, semplicemente spesi o perduti. L’amore è devozione che non pretende e non aspetta nulla.

Marco Lodoli, Tanto poco
_____

Quando sto male, come sempre mi lavo, mi vesto per bene, mi pettino e mi trucco un minimo, perché non voglio che nessuno mi veda trasandata e possa pensare che cado a pezzi.

Marco Lodoli, Tanto poco

tanto

_____

Prima non sognavo mai, andavo a letto, spegnevo la luce e tutto spariva, anche io. Mi faceva bene quel buio totale, fuori e dentro cancellava tante cose inutili e mi riposava.

Marco Lodoli, Tanto poco
_____

È vero, bisogna fare spazio, svuotarsi di ogni volontà, annullarsi per farsi invadere dall’amore. Ogni pensiero e ogni parola possono fare resistenza, diventano un recinto in cui il lupo dell’amore non può piú entrare per azzannare il cuore e sbranarlo.

Marco Lodoli, Tanto poco

tanto

_____

Ma io sono stata sempre qui, ferma, radice piantata in una devozione che forse è amore e forse è solo paura.

_____

Aveva l’aria di quei ripetenti che non vogliono imparare nulla, che resterebbero a scuola tutta la vita perché a scuola comunque fa piú caldo che fuori.

Marco Lodoli, Tanto poco
_____

Che meraviglia perdere la propria vita per delicatezza, infinite volte meglio che salvarla con l’arroganza e la volgarità.


RECENSIONI

Vuoi essere il primo ad inviarci la recensione di questo libro?
Scrivici a: annarita.paolicelli85@gmail.com

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.