“Una minima infelicità” – Carmen Verde

0
365

AUTORE: Carmen Verde
TITOLO: Una minima infelicità
EDITORE: Neri Pozza
DATA USCITA: 08/11/2022
GENERE: Narrativa

TRAMA – Una minima infelicità

Una minima infelicità è un romanzo vertiginoso. Una nave in bottiglia che non si può smettere di ammirare. Racconta la storia di Annetta, una petite: alta 138 centimetri. È lei stessa a raccontare la sua vita vissuta all’ombra della madre, Sofia Vivier. Bella, inquieta, elegante, Sofia si vergogna del corpo della figlia così scandalosamente minuto. Chiusa nel sacrario della sua bella casa, Annetta fugge la rozzezza del mondo di fuori, rispetto al quale si sente inadeguata.

A sua insaputa, però, il declino lavora in segreto. È l’arrivo di Clara Bigi, una domestica crudele, capace di imporle regole rigide e insensate, a introdurre il primo elemento di discontinuità nella vita familiare. Il padre, Antonio Baldini, ricco commerciante di tessuti, cede a quella donna il controllo della sua vita domestica. Clara Bigi diventa così il guardiano di Annetta, arrivando a sorvegliarne anche le letture.

La morte improvvisa del padre è per Annetta l’approdo brusco all’età adulta. Per saldare i debiti, il negozio viene messo in vendita. Dimentica di sé, negli ultimi anni di vita della madre, Annetta ne accudisce la bellezza sfiorita. Allenata dal suo stesso corpo alla rinuncia, coltiva da sempre uno straordinario istinto alla diminuzione.

Nonostante una laurea in lettere accetta un umile posto di centralinista in banca. Spetterà proprio a una collega, la cieca Lisa Cannavaro, il compito di indicare ad Annetta il suo futuro. Un pomeriggio, accompagnandola in chiesa, Annetta riconoscerà in una delle suore in preghiera la sua nemica di sempre: Clara Bigi…

_____

Proposto da Leonardo Colombati al Premio Strega 2023 con la seguente motivazione:

«Ho avuto la fortuna di seguire la materializzazione di Anna e Sofia – la figlia e la madre protagoniste del libro – da idee a compiuti personaggi letterari, con la sensazione che queste figure così sapientemente ritagliate abbiano tutte le caratteristiche per diventare come i geni delle favole arabe, così ingombranti e vitali da dover per forza uscire fuori dalle loro bottiglie: è il destino dei personaggi riusciti, più grandi delle opere che li contengono, a partire – dall’alto – da gente come Falstaff per finire, appunto, alla piccolissima Anna.

Talmente piccola Anna, che deve per forza guardare tutti dal basso in alto: il che è un’ottima cosa per una macchina narrativa. Anche perché, per meritare lo sguardo della propria madre, Anna deve affinare il suo, concentrandosi proprio su sua madre come unico soggetto.

È una scelta, una necessità, un atteggiamento che – senza svelare troppo le carte – ha a che fare con la letteratura: se, come io credo, il romanzo è l’arte di mettersi nei panni degli altri, quello di Carmen è un romanzo perfetto, per l’attenzione, mai giudicante, con cui la figlia posa gli occhi sull’oggetto del suo amore.

_____

La migliore letteratura è quella che, sotto traccia, trova anche il modo di riflettere su sé stessa. Carmen, con il suo stile elegante, ne è un esempio. Spero per il libro che trovi la sua strada. Carmen di sicuro l’ha già trovata. Mi auguro comunque che questa sua prima prova incontri il vostro interesse.»
«Ho letto il romanzo di Carmen Verde. Mi è piaciuto. Ha un ritmo veloce e leggero, come un treno che attraversa la notte con tutte le luci accese. Guardi stupito e ti chiedi chi siano quelle sagome che appaiono dietro i vetri. L’autrice conosce la geometria dei segreti e sa come giocare con il lettore». – Dacia Maraini

_____

«Una minima infelicità è un libro pieno di ossessione e dolcezza, di crudeltà e pietas. Ha dentro la meravigliosa complessità di certe miniature, dove la cura per i dettagli rivela un mondo insieme familiare e straniato, ed è proprio nello scarto tra queste due dimensioni che si insinua la scrittura precisa ed evocativa di Carmen Verde». – Veronica Raimo


RECENSIONI

Vuoi essere il primo ad inviarci la recensione di questo libro?
Scrivici a: annarita.paolicelli85@gmail.com

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.