“Un caso speciale per la ghostwriter” – Alice Basso

Un'indagine per Vani Vol.5

0
68
un caso

AUTORE: Alice Basso
TITOLO: Un caso speciale per la ghostwriter
EDITORE: Garzanti
DATA USCITA: 02/05/2019
GENERE: Narrativa gialla

TRAMA – Un caso speciale per la ghostwriter

Per Vani le parole sono importanti. Nel modo in cui una persona le sceglie o le usa, Vani sa leggere abitudini, indole, manie. E sa imitarlo.

Infatti Vani è una ghostwriter: riempie le pagine bianche di scrittori di ogni genere con storie, articoli, saggi che sembrino scaturiti dalla loro penna.

Una capacità innata che le ha permesso di affermarsi nel mondo dell’editoria, non senza un debito di gratitudine nei confronti dell’uomo che, per primo, ha intuito la sua bravura: Enrico Fuschi, il suo capo. Non sempre i rapporti tra i due sono stati idilliaci, ma ora Vani, anche se non vorrebbe ammetterlo, è preoccupata per lui.

Da quando si è lasciato sfuggire un progetto importantissimo non si è più fatto vivo: non risponde al telefono, non si presenta agli appuntamenti, nessuno sa dove sia. Enrico è sparito. Vani sa che può chiedere l’aiuto di una sola persona: il commissario Berganza.

Dopo tante indagini condotte fianco a fianco, Vani deve ammettere di sentirsi sempre più legata all’uomo che l’ha scelta come collaboratrice della polizia per il suo intuito infallibile.

Insieme si mettono sulle tracce di Enrico. Tracce che li porteranno fino a Londra, tra le pagine senza tempo di Lewis Carroll e Arthur Conan Doyle.

Passo dopo passo, i due scoprono che Enrico nasconde segreti che mai avrebbero immaginato e, soprattutto, che ha bisogno del loro aiuto.

E non solo lui. Vani ha di fronte a sé un ultimo caso da risolvere e fra le mani, dalle unghie rigorosamente smaltate di viola, stringe le vite di tutte le persone a cui ha imparato a volere bene. Alice Basso ha creato un personaggio fantastico.

Una protagonista originale che i suoi lettori chiamano per nome come un’amica.

Una protagonista che vive in mezzo ai libri, da cui ha imparato quasi tutto quello che sa. Intorno a lei, altri personaggi indimenticabili cui affezionarsi romanzo dopo romanzo.

Un universo in cui calarsi per ricordarsi che il piacere della lettura è questo: una storia che incanta e uno stile impeccabile.

Un caso speciale per la ghostwriter

un caso


FRASI

E poi solo chi non osa non sbaglia mai.

Alice Basso, Un caso speciale per la ghostwriter
_____

Io odio la speranza, perché è il trampolino della delusione, e io odio la delusione perché è il trampolino dell’ “avrei dovuto saperlo.

Alice Basso, Un caso speciale per la ghostwriter
_____

Le cose cambiano.
Le storie finiscono.
Altre storie iniziano.
E ci vuole coraggio per affrontare tutto questo. Questo grande romanzo d’avventura che è la vita. Che lo vogliamo o meno.
Ma è bellissimo.

un caso

Alice Basso, Un caso speciale per la ghostwriter
_____

Pensavo che la cosa peggiore del tenere alle persone fosse stare male per loro. […] Adesso penso di poter affermare di avere toccato un nuovo favoloso livello di schifo, la tana di coniglio sotto il fondo del barile, ed è questo: la cosa peggiore del tenere alle persone non è stare male a causa loro; è quando loro stanno male a causa tua.
Era meglio quando non dovevo niente a nessuno.

Alice Basso, Un caso speciale per la ghostwriter
_____

“Non ne abbiamo mai parlato: ti piace viaggiare?”
“E’ più o meno la ragione per cui passo la vita a leggere”

Alice Basso, Un caso speciale per la ghostwriter
_____

Le cose cambiano. Le storie finiscono. Altre storie iniziano. E ci vuole coraggio per affrontare tutto questo. Questo grande romanzo d’avventura che è la vita. Che lo vogliamo o meno. Ma è bellissimo.

un caso

Alice Basso, Un caso speciale per la ghostwriter
_____

Immagino che sia così che funziona, tra esseri umani che tengono gli uni agli altri, che si vogliono bene, che sanno provare la gratitudine senza confonderla con il debito, e il desiderio di fare del bene e di essere d’aiuto senza confonderlo con il credito.

Alice Basso, Un caso speciale per la ghostwriter
_____

Ho capito come dev’essere stato, per te. Da sempre, per tutta la vita. Lo so che non hai mai saputo cosa fosse una casa che ti facesse sentire al sicuro, al riparo da un mondo esterno impegnativo e giudicante. E sai perché lo so? Perché per me è stato uguale. Casa nostra era già il mondo esterno e giudicante. Per te come per me, trovarci nella stessa stanza con un nostro familiare non ha mai significato piacere o conforto, semmai tensione e problemi.

Alice Basso, Un caso speciale per la ghostwriter

un caso

_____

Io che ho attraversato la vita per trentaquattro anni ripetendomi che nulla in essa sarebbe mai valso la destabilizzazione interiore. Ora mi prendo fra le mani la faccia, la testa, la nuca, e piegandomi su me stessa come un ramo di salice scoppio di colpo, senza preavviso per nessuno e tantomeno per me stessa nel più disperato, singhiozzante, liberatorio pianto che il mio corpo possa reggere, con i pugni stretti attorno alle ciocche dei miei capelli e la faccia affondata nel petto e le braccia chiuse a impedire a chiunque di vedermi in volto, perché mi vergogno, perché ho paura, perché è la prima volta ed è spaventoso ed è soverchiante ed è tutto troppo per me.

Alice Basso, Un caso speciale per la ghostwriter
_____

[…] ho appena scoperto che Enrico Fuschi ha avuto per padre, be’, mia madre.
Il tipo di genitore per il quale qualsiasi cosa tu faccia non sarà mai abbastanza. Mai abbastanza a testimoniare il tuo valore, mai abbastanza a renderti degno della sua eredità morale, mai abbastanza per riscattare l’idea che si è fatto di te da moccioso, magari paragonandoti impietosamente a qualcun altro – perché se fai male figuriamoci se non facevi male, e se fai bene hai solo fatto il tuo dovere.

Alice Basso, Un caso speciale per la ghostwriter

un caso

_____

Enrico non vuole odiarti, Vani. Lo sa benissimo che non può prendersela con te. Sa benissimo che sarebbe meschino, sbagliato e non porterebbe da nessuna parte. Ma sente che, semplicemente, non è ancora pronto a vederti. Come certe ragazze madri che non riescono a prendere in braccio i loro neonati, come certi figli che non riescono a stare vicino ai loro genitori oltre lo stretto necessario, come certi innamorati che non possono avercela con la loro fiamma per avere sposato un altro.

Alice Basso, Un caso speciale per la ghostwriter
_____

“Io odio quando cambiano le cose”, sussurro piano.
Ed è vero.
Lo odio.
Ma le cose cambiano lo stesso.

Alice Basso, Un caso speciale per la ghostwriter
_____

Io voglio fare qualcosa di imprevedibile, avventato, coraggioso e pazzesco. Proprio come i miei eroi, come tutti questi personaggi qui. Voglio battermi per la mia libertà, tanto per cominciare: per essere emancipata e non doveri più portare dietro i doveri e le aspettative della famiglia e del contesto sociale in cui sono nata; come Charlotte, Sally, Dick, Lyra o Alice. Non avere più medie di voti da rispettare, ambienti da frequentare o non frequentare, lavori o attività che ci si aspetta o non ci si aspetta che facciano per me.

Alice Basso, Un caso speciale per la ghostwriter

un caso

Un’indagine per Vani…la serie completa:

L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome
Scrivere è un mestiere pericoloso
Non ditelo allo scrittore
La scrittrice del mistero
Un caso speciale per la ghostwwriter


RECENSIONI

Vuoi essere il primo ad inviarci la recensione di questo libro?
Scrivici a: annarita.paolicelli85@gmail.com

Le recensioni presenti in “Le frasi più belle dei Libri…” esprimono le opinioni personali del recensore. Ti suggeriamo di leggere i libri che ti proponiamo, a prescindere dal giudizio da noi espresso. Qualora volessi esprimere la tua opinione invia commenti o recensioni tramite il modulo presente nel nostro sito web.